Nasce con una rara malformazione del tessuto celebrale

“Mi chiamo Valeka Riegel e non molto tempo fa ho scoperto di essere in dolce attesa. Ero al settimo cielo, cercavo un figlio da diverso tempo… ma, purtroppo, nulla è stato come me lo aspettavo. Durante una delle ecografie di controllo, il ginecologo mi ha informato di una strana anomalia del mio bambino..


Continuava a ripetere che aveva una palla in faccia. Una specie di enorme sacco, ma non era facile capire di cosa si trattasse. Immaginerete con quanta ansia sono arrivata al giorno del parto. Dopo la nascita di Zakary, tutto è stato più chiaro. Quando l’ho visto la prima volta, sono rimasta scioccata. Lo avevo immaginato per mesi, ma avercelo davanti così, è stato qualcosa di davvero doloroso. Aveva un’encefalocele, un’erniazione del tessuto celebrale, una condizione rarissima che si verifica su un bambino ogni tredicimila nascite, solo negli Stati Uniti. Più lo guardavo e più piangevo… vedevo solo questa grande protuberanza e due piccole labbra, niente occhi, niente naso, niente ciglia. Aveva difficoltà a mangiare e a respirare, così l’ospedale ha deciso di trasferirlo a Cincinnati, dove ben 22 medici, hanno rimosso chirurgicamente quella specie di sacco. Lo hanno riportato a me, dopo una lunga operazione e quando l’ho visto… l’amore mio stava bene, era bellissimo, non dimenticherò mai il suo sorriso. Ho iniziato a piangere come una bambina, non sapevo avesse delle ciglia così lunghe e due grandi occhi marroni. Era perfetto, era meraviglioso. Finalmente lo vedevo osservarsi intorno, prima vedeva solo l’ombra di quella grossa palla. Adesso reagiva ai miei stimoli e io era la mamma più felice del mondo!

Sarà sempre un bambino un po’ diverso ma un bambino speciale.”

Questa è la storia di Zakary, nato con una rara malformazione del cervello.

Ma è anche la storia di un meraviglioso guerriero, che doto tanta sofferenza ha finalmente visto la luce!

Buona vita piccolo, sei bellissimo!