Noah vittima di bullismo a soli 3 anni

Home > Mamma > Noah vittima di bullismo a soli 3 anni

Lauren Russel è una giovane madre di venti cinque anni, di Southampton. Un giorno è salita su un autobus con i suoi figli Noah e Charlie. Quando ad un certo punto, un ragazza di soli tredici anni, ha iniziato a prendere in giro il suo bambino, per i suoi capelli rossi.

Noah è rimasto molto sconvolto, al punto di chiedere al fratello più grande, perché anche lui non potesse essere biondo come lui. Ma Charlie gli ha risposto che è bellissimo! Lauren era molto turbata e per questo ha deciso di pubblicare uno stato su Facebook, che ha commosso tutti. Aveva scritto: “Noah non ha mai smesso di chiedermi il perché alla gente non piacciono i suoi capelli. Mi ha chiesto se potevo cambiarlo, in modo che possa piacere alle persone. Posso sentire il mio cuore spezzarsi ogni volta che me lo chiede. Non è giusto fare il prepotente con qualcuno solo per il colore dei suoi capelli, non ora. Ne mai! Questo ha avuto un tale effetto su Noah, è semplicemente ingiusto. Anche io ho i capelli rossi e ricordo che sono stata vittima di bullismo crescendo, ma non a tre anni. Adesso Noah è davvero consapevole del suo colore dei capelli e pensa che sia orribile. Non capisce il perché non sia biondo come i suoi fratelli. Non potevo credere che quegli adolescenti potessero turbare così tanto il mio bambino.”

Ovviamente il suo post è diventato virale ed ha avuto più di diciotto mila mi piace. Tutti i commenti che ha avuto, Lauren li ha fatti leggere a Noah, che è rimasto molto soddisfatto da quello che la gente gli ha detto.

Dopo questo Lauren ha deciso di pubblicare un altro post su Facebook, scrivendo: “Dopo aver condiviso ciò che mi è accaduto, ho avuto centinai di messaggi di persone da Regno Unito, tutti mostrando supporto e dicendomi quanto sia bello Noah. Quando ho letto tutti i commenti al mio bambino, la sua faccia era impagabile. 

Spero che ora possa dimenticare tutte quelle osservazioni orribili, ma voglio ancora delle scuse da parte dell’adolescente. Ho già contattato la scuola superiore dove è iscritto, per far chiedere scusa a Noah di persona.”

In passato Noah non aveva mai fatto riferimento al colore dei suoi capelli. Ma dopo quell’episodio li trova orribili e dice che sono arancioni. I suoi genitori stanno cercando di fare di tutto per cercare di fargli capire, che bisogna accettarsi per come si è!

Povero Noah, speriamo solo che in futuro i suoi compagni non lo prendano in giro. Voi cosa ne pensate?