Non aveva nessuno che potesse aiutarla

Si trovava in un ospedale lontano da casa, da sola, con la sua bambina malata. Non aveva nessuno che potesse aiutarla, non riposava da tanto tempo, così decise di rivolgersi al web

Home > Mamma > Non aveva nessuno che potesse aiutarla

Non c’è niente di più straziante per una madre che sapere che la vita dei suoi figli è in pericolo. Jaiden Cowley è una madre amorevole che non ha smesso di combattere dalla nascita della sua bambina. Sua figlia, Amira, è nata con cardiopatia congenita e da allora è dovuta andare costantemente al pronto soccorso per curare gli innumerevoli problemi che il suo cuore soffriva.

Jaiden e sua figlia vivono nella città di Hamilton, alla periferia di Toronto. Come madre single, questa è stata un’esperienza ancora più dura per Jaiden. All’inizio ebbe l’aiuto di molti suoi parenti, ma quando la situazione di Amira divenne più critica, dovettero recarsi in un ospedale di Toronto in attesa di un trapianto.

Cowley ha sempre mantenuto il miglior atteggiamento possibile, ma essendo a miglia di distanza da casa, non poteva riposarsi un secondo per recuperare le forze.

Jaiden era al Sick Childen Hospital di Toronto, noto anche come SickKids. Per molti anni, Jaiden aveva usato la pagina Facebook di Mom Squad. Un gruppo creato per consentire alle madri di tutto il mondo di scambiarsi consigli, sostenere e condividere storie sui costanti compiti che una madre affronta ogni giorno. Il suo lavoro nel gruppo era sempre stato limitato alla lettura di ciò che scrivevano gli altri, ma questa volta era così esausta che decise di scrivere loro una richiesta di aiuto.

“Ho un enorme favore da chiedervi. Sono in uno stato di emergenza. Non posso lasciare sola mia figlia, ma ho davvero bisogno di prendere un caffè. ” Nella pubblicazione ha condiviso una foto della bellissima Amira e ha spiegato che erano già nella lista d’attesa da 400 giorni a causa del trapianto di cuore di cui avevano tanto bisogno per salvare la vita della piccola.

 

Essendo un gruppo con quasi 30 mila membri , Jaiden pensava che potesse esserci una madre che era nello stesso ospedale. Tuttavia, pochi minuti dopo fu scioccata nell’apprendere che molti sconosciuti stavano cercando di comunicare con lei per aiutarla con il suo meritato caffè.

Un’altra madre gli ha inviato $ 50 per comprare altro caffè. La prima a rispondere fu una donna di nome Elizabeth, spiegò che non era lontana da lì e dopo aver comunicato con lei prese le chiavi della sua auto e la sorprese con una grande tazza di caffè Starbucks .

La cosa più sorprendente è che erano le 23 , ma con solo un paio di parole, molte madri amorevoli capirono la sua situazione e furono disposte ad aiutarla. “Sono molto felice di averti potuto aiutare. Fammi sapere se hai bisogno di qualcos’altro.”

Speriamo che la piccola Amira riesca a ottenere il trapianto di cui ha tanto bisogno e possa riposare a casa con sua madre dopo questi estenuanti giorni in un reparto ospedaliero. Condividi questa storia stimolante per ricordare quanto un piccolo gesto può significare per gli altri.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI