Non ci voleva quella lettera

Non ha mai raccontato la sua vita a nessuno, nel vicinato non conoscevano la sua situazione. Un giorno trova una lettera anonima, firmata "un vicino". La lettera più cattiva che potesse ricevere, si è ritrovata in lacrime ma è stata anche la sua fortuna...

Randa Ragland è una donna originaria di Pinson, Alabama (Stati Uniti). Nel mezzo del suo dolore, alla fine di luglio aprì la cassetta delle lettere di casa sua senza immaginare cosa avrebbe trovato. Era la lettera di un vicino, ma con la particolarità che non c’era scritto il mittente.

Il suo cuore si spezzò in due non appena la lesse, le lacrime iniziarono a scivolare lungo le guance. Ciò che ha trovato in quella misteriosa missiva non era altro che parole offensive. Ma il vicino era ben lontano dal sospettare ciò che Randa stava attraversando in quel momento.

“Abbi un po’ di dignità e migliora l’esterno della tua casa. Il tuo menefreghismo sta influenzando il valore di rivendita delle NOSTRE case. Chi vorrebbe comprare una casa vicino alla tua e vederla ogni giorno? NON richiede molto sforzo. Sforzati !!! ”, era il testo della lettera.

Molte cose brutte erano successe a Randa negli ultimi giorni. Suo marito aveva perso il lavoro, al suo piccolo Jaxen, che ha l’autismo e non parla, è stato diagnosticato un cancro avanzato, un neuroblastoma in stadio 4, pochi giorni prima di compiere 3 anni. E se ciò non bastasse, anche le ha ricevuto cattive notizie sulla sua salute.

Certamente, il suo vicino non doveva conoscere il calvario di Randa. Ma lei, da parte sua, ha deciso di pubblicare la lettera nelle sue reti raccontando la storia di Jaxen e ne ha approfittato per inviare una riflessione che invitava le persone a “essere gentili con i loro vicini”, dal momento che nessuno conosce la vita dell’altro.

Ciò che Randa non sapeva era l’effetto che la sua pubblicazione avrebbe avuto, nel giro di pochi minuti l’intera sua comunità aveva appreso della sfortunata lettera e della sua triste situazione. “Normalmente non faccio mai clic su questi post, ma Dio deve aver parlato con me”, ha detto Kimberly Davis Quick. “E ho detto: ‘Oh, no, non nella nostra comunità.'”

Senza nemmeno incontrare Randa, Kimberly creò una pagina in onore di Jaxen e presto arrivarono donazioni di anime gentili. Ma non era tutto, qualcuno si avvicinò a casa sua per falciare il prato; altri hanno rimosso le macerie; altri le hanno riempito la dispensa di cibo; e altri più moderati l’aiutarono a riordinare la sua casa, mentre il resto dei vicini puliva il cortile.

“Questo è l’amore per uno sconosciuto”, ha detto una delle volontarie, una donna che aveva perso la figlia di 6 anni, Lulu, per lo stesso tumore che affliggeva Jaxen e che in realtà aveva incontrato Randa durante il suo trattamento. La donna andò ancora oltre e diede a Randa una delle coperte che sua figlia amava e che era il suo amuleto. Era dipinta di verde con cuori neri e aveva la parola “forza” stampata. Ragland non poteva fare a meno di piangere.

Se ti sei commosso da questo grande gesto di amore e solidarietà da parte della comunità dei vicini, ricorda che le persone devono sempre vedere facce amiche perché ognuno di noi ha delle immense battaglie da combattere nella vita. Ma come ultima osservazione vorremmo anche che rifletteste sulle cose “brutte”, non sempre vengono per nuocere, senza quella brutta lettera forse la comunità non avrebbe mai conosciuto la situazione di questa mamma e nessun l’avrebbe aiutata.

Le macchie blu sul tappeto di Jacob ricordano qualcosa a sua madre

Ragazzo diventa nonno a 23 anni: la sua storia è incredibile

Pensa di essere incinta ma invece riceve una triste notizia

L'uomo apre il frigo della sua ex moglie e quello che trova gli spezza il cuore.

L'incubo di Paige e del suo bambino Colton

Pensava di essere incinta di due gemellini ma la vita aveva altri progetti per lei

Un incidente che gli ha cambiato la vita