“Non mi sentivo una mamma come tutte le altre, finché non sono entrata lì dentro”

Home > Mamma > “Non mi sentivo una mamma come tutte le altre, finché non sono entrata lì dentro”

Nel mondo ci sono miti e pregiudizi, infatti molte madri giudicano perché magari le altre non hanno vissuto l’esperienza del parto naturale e credono che avere un figlio con un parto cesareo, è come se non avessero mai partorito. Questo è ciò che è accaduto a Raquel Maldonado.

Non era una neo mamma, per lei questo era il secondo figlio, ma a trentadue settimane di gravidanza, i medici le dissero che non avrebbe potuto fare il naturale, perché la sua bambina era nella podalica ed ovviamente un parto naturale con il neonato in quella posizione, avrebbe messo a grave rischio la vita di mamma e bambina.

La reazione della ragazza fu quella di una madre delusa, per lei era come se non stesse avendo questa seconda figlia, per lei era come se non fosse stata madre di questa neonata. La sua mente si è aperta finalmente, quando ha visto la cicatrice del suo cesareo, li ha capito che era una madre esattamente come tutte le altre. Ha dichiarato che:

Le ultime settimane precedenti alla nascita di Alexa, ero spaventata. Ero terrorizzata da questo intervento chirurgico.  Avevo paura di questa cicatrice e degli effetti a lungo termine che avrebbe avuto sul corpo e sulla mia mente. Ero preoccupata che mi sentissi inadeguata, come se non l’avessi data alla luce. Tante paure diverse persistevano, ma molte altre mamme mi hanno detto che tutto sarebbe andato bene.

E così è stato. Non mi sento come se fossi derubato di una nascita. Questa cicatrice dimostra che sono davvero una mamma! Questa chirurgia non è stata una decisione facile per me. Mi ha spinto ad educarmi, ad aprire la mia mente, a lasciare andare le mie aspettative perfette. Ho avuto tutto ciò che volevo durante la mia nascita. 

In sala operatoria abbiamo visto nascere nostra figlia (in realtà ne ho il video), mio ​​marito ha tagliato il cordone ombelicale, hanno ritardato il serraggio del cavo e, soprattutto, la nostra bambina era sana e sicuro il mio dottore ha rispettato ogni decisione che abbiamo preso. Non potrei essere più orgogliosa di questa cicatrice. Non potrei essere più orgogliosa di me stessa. E tutte quelle paure sciocche sono scomparse non appena mi sono resa conto che stavo avendo la bambina per cui pregavo e l’esperienza di nascita che speravo.”

Condividi questa storia per dimostrare che indipendentemente da come hai partorito il tuo bambino, sei una mamma come tutte le altre!