Pensavano di aver adottato una bimba di 6 anni

Pensano di aver adottato una bimba di 6 anni, ma poi scoprono la verità. La bambina adottata, in realtà è una 21enne sociopatica affetta da nanismo.

Home > Mamma > Pensavano di aver adottato una bimba di 6 anni

Pensavano di aver adottato una bimba di 6 anni, ma poi scoprono la verità.

La bambina che la coppia aveva adottato è in realtà una 21enne sociopatica affetta da nanismo.

Questa storia ha dei risvolti che assomigliano a quelli che si vedono nei film dell’orrore. I protagonisti sono Kristine e Micheal Barnett, due genitori che avevano adottato Natalia Grace ma che poi hanno scoperto che non era una bambina di 6 anni ma una ragazza di 19 affetta da una rara malattia.

I genitori si sono accorti che la bambina in realtà era già una donna quando mamma Kristine la stava lavando, aveva notato che i suoi vestiti erano sporchi di sangue. Kristine aveva il sospetto che la sua bambina avesse avuto le mestruazioni, strano vista la sua età. Così, dopo una serie di test, i medici sono riusciti a risalire alla sua vera età. Aveva 19 anni. Nonostante questo, Micheal e Kristine hanno continuato ad accudirla, hanno voluto solo che la sua età anagrafica fosse cambiata per sottoporla alle cure adeguate.

Ma nonostante questo, ci sono stati episodi davvero tremendi negli anni. Uno di questi è quando Natalia aveva disegnato delle immagini strane ed aveva affermato che voleva uccidere tutti i membri della sua famiglia, “voleva avvolgerci in una coperta e metterci nel cortile sul retro”.

Kristine ha dichiarato: “È saltata fuori dall’auto in movimento, ha cosparso sangue sugli specchi, ha fatto cose che mai potresti immaginare che un bambino faccia”.

Nel 2012 arriva la sentenza di un giudice della Suprema Corte della Contea di Marion che, dopo aver analizzato gli esami a cui si è sottoposta Natalia, è risultato che la bambina avesse almeno 14 anni. Natalia è nata il 4 settembre del 1989.

La famiglia Barnett è stata costretta a trasferirsi in Canada per sostenere il loro figlio biologico Jacob sui suoi studi. Il ragazzo, ora 21enne, è affetto da autismo ed ha bisogno di supporto. Natalia invece è rimasta in cura in Indiana, nonostante la distanza, i Barnett hanno affittato per lei un appartamento e si prendono cura di lei. Ma nel 2013 perdono i contatti con lei. Nel 2016 un’altra coppia presenta la domanda di custodia per Natalia ma i Barnett presentano un’obiezione sostenendo che la “bambina” fosse un’adulta, così la coppia ritira la domanda. Di Natalia Grace, da quel momento non si è saputo più nulla ed ora i genitori, nonostante la sua falsa età, sono accusati di abbandono di minore.