Poteva essere un’angelo

Dopo aver visto la sua bambina soffrire per tutta la sua breve vita, decide di staccare la spina. Mezz'ora dopo lo staff dell'ospedale vede qualcosa di inspiegabile sulle videocamere di sicurezza e corrono a chiamare la madre

Home > Mamma > Poteva essere un’angelo

Che ci crediate o no negli angeli, penso che troverete la storia di Chelsea Banton molto stimolante. Chelsea ha avuto un inizio difficile nella vita: è nata cinque settimane prima del tempo e ha trascorso la sua infanzia combattendo un problema di salute dopo l’altro.  Ma nel 2008, sua madre, Colleen Banton, realizzò che il quattordicenne aveva ancora poco tempo da vivere.

Colleen ha ammirato il coraggio di sua figlia nel combattere malattia dopo malattia per tutta la sua vita. Ma le prospettive di vita del Chelsea non erano rosee. Così Colleen prese la dura decisione di chiudere il sistema di supporto vitale di sua figlia. Un’ora dopo, un’immagine appariva molto acuta nella stanza di Chelsea. Lo staff dell’ospedale l’ha scoperta in una telecamera di sicurezza e ha chiamato Colleen per vederla. “Era l’immagine di un angelo”, dice Colleen. La madre stupita non sapeva se l’angelo fosse venuto a portare sua figlia in paradiso o se fosse lì per salvarle la vita. E presto accadde un altro miracolo: Chelsea iniziò a riprendersi lentamente. Dopo due mesi in ospedale, Chelsea è finalmente riuscita a tornare a casa con la sua famiglia. I medici rimasero increduli e sbalorditi, poiché raramente avevano visto una guarigione così rapida. Grazie alla svolta miracolosa degli eventi, Chelsea ha festeggiato il suo quindicesimo compleanno con la sua famiglia. “È un miracolo. E sto imparando a non dare nulla per scontato, “disse Colleen con le lacrime agli occhi. ”

Questo sarà un compleanno molto speciale. Chi lo sa? Potrebbe essere l’ultimo. Ma lei è arrivata fin qui, e non mi arrenderò ora. ”

È successo nel 2008. E per fortuna, il suo 15 ° compleanno non è stato l’ultimo del Chelsea.

Chelsea ha combattuto duramente per altri sette anni. E anche se ha dovuto lasciare questo mondo troppo presto, è riuscita a trascorrere altri sette meravigliosi anni con la sua famiglia dopo quel giorno speciale all’ospedale.