Quando fare il secondo figlio

Non esiste una regola, ma un recente studio scientifico ci dice quando è il momento migliore per fare il secondogenito.

Home > Mamma > Quando fare il secondo figlio

Molte mamme, che conservano un bel ricordo della prima gravidanza, avrebbero il desiderio di mettere alla luce il secondo figlio, ma quando è il momento giusto?

In realtà, una regola non esiste. Ci sono mamme che vorrebbero far crescere i due fratellini insieme, restando incinta a distanza di poco dalla prima gravidanza e chi invece vorrebbe aspettare che il primo figlio vada all’asilo, per dedicare tutto il tempo ad accudire il secondo.

Stando a quanto ci dice una recente ricerca inglese, le donne che hanno avuto un bambino e ne vorrebbero subito un altro, dovrebbero attendere almeno un anno. Ecco perché.

Gravidanza: quanto tempo attendere per avere il secondo figlio

I risultati di questo studio proverebbero che per garantire la salute del bambino e della mamma, è meglio attendere almeno 12-18 mesi da primo parto.

Ma che cosa succederebbe se invece non si attende il periodo raccomandato?  Dalla ricerca – condotta su un campione di oltre centomila seconde gravidanze – è emerso che se non si attende almeno un anno, le conseguenza possono essere piuttosto gravi come il rischio di morte o danni gravi per la donna e il parto prematuro.

L’attesa dunque sarebbe molto importante, soprattutto per il piccolo, diminuendo così la percentuale di rischio per entrambi. Questi dati sono importanti soprattutto per le donne che scelgono di avere il primo figlio dopo i trentacinque anni e dunque non vogliono attendere troppo tempo per dare alla luce un altro bambino.

Cosa sapere prima di fare il secondogenito

La gravidanza e il parto portano grandi cambiamenti nell’organismo della donna ed è normale che il fisico abbia bisogno di tempo per riprendersi.

Ognuna conosce sè stessa prima di chiunque altro e quindi saprà valutare il momento giusto per la seconda gravidanza. Sarà anche il vostro medico a consigliarvi il periodo d’attesa, in base alla vostra situazione clinica.

Se, ad esempio, a seguito dell’allattamento avete subito un calo di vitamine o uno squilibrio di altro genere, viene da sé che la situazione dovrà essere ripristinata prima che possiate affrontare una nuova gravidanza. E comunque, per essere tranquille, rivolgetevi sempre al vostro medico di fiducia che saprà consigliarvi meglio di chiunque altro.

Quando una donna può pensare a una nuova gravidanza?

Non importa quando  il fratellino o la sorellina di nostro figlio nascerà, se giocheranno insieme o se il primo sarà già grande quando nascerà. La cosa fondamentale è pensare che il secondo figlio amplierà la quantità di amore e la rete di legami affettivi per l’intera famiglia.