Se la coccoli troppo non sarà mai indipendente

Una mamma al supermercato, coccolava la sua bambina con sindrome di Down che dormiva nel marsupio sul suo petto. Improvvisamente si avvicina una signora " Stai crescendo male tua figlia, se la coccoli troppo non sarà mai indipendente". La risposta di questa mamma ha toccato i cuori di migliaia di persone

Home > Mamma > Se la coccoli troppo non sarà mai indipendente

L’educazione dei bambini è un compito che riguarda esclusivamente i genitori. Ma sfortunatamente, non c’è carenza di intrusi che si assumono la responsabilità di dire loro cosa fare o smettere di fare, specialmente quando si tratta di rimproverare o essere troppo protettivi. Questo, Kelly Dirkes e suo marito lo sanno molto bene e hanno deciso di raccontare.

Da quando Kelly ha adottato 2 piccoli con la sindrome di Down, è abituata ad avere estranei che esprimono opinioni sulle sue figlie. Kelly vive con la sua famiglia a Washington, negli Stati Uniti. Ma un giorno ha avuto l’ esperienza più sconcertante quando faceva la spesa al supermercato. Stava portando uno dei suoi figli in un sacco appeso al petto mentre cercava tra i prodotti in vendita, e una donna la fermò per dirle qualcosa sulla bambina. La sconosciuta l’ha fermata per dirle i suoi pensieri sul modo in cui stava “allevando male” il suo bambino e che non avrebbe mai imparato ad essere indipendente se avesse continuato a portarla caricata in quel modo. Come previsto, Kelly era completamente indignata, ma invece di rispondere a qualcosa di proporzionale e metterlo in atto, decise che per amore di sua figlia non avrebbe fatto nulla, semplicemente abbassò la testa e baciò la sua bambina. Ma quando arrivò a casa, voleva sfogare la sua rabbia sulle reti e scrisse una lettera aperta indirizzata a “la donna del supermercato” su Facebook, riuscendo a commuovere migliaia di persone. La pubblicazione è stata condivisa più di 30.000 volte e il suo messaggio è così potente che vale la pena leggerne ogni parola.

“L’ho già sentito prima, lo sai. Che “rovinerò il mio bambino”. Sei così convinta che non imparerà mai ad essere “indipendente”. Ti ho sorriso, ho baciato la testa di mia figlia e ho continuato i miei acquisti “, inizia la lettera commovente di Kelly.

“Se solo sapessi quello che so …Se solo sapessi come ha trascorso i primi dieci mesi della sua vita completamente sola in una culla di metallo sterile, senza nulla che possa confortarla se non succhiarsi le dita. Se solo sapessi che cosa esprimeva il suo viso nel momento in cui il custode dell’orfanotrofio me l’ha data per abbracciarla per la prima volta. La sua faccia mostrava fugaci momenti di serenità mescolati a puro terrore. Nessuno l’aveva abbracciata prima, e non aveva idea di cosa avrebbe dovuto fare.

Se solo sapessi che lei stava nella sua culla, lei si svegliava e non ha mai pianto, perché fino ad ora nessuno avrebbe risposto alle sue grida. Se solo sapessi che l’ansia faceva parte della sua giornata insieme a colpire la testa contro le sbarre della culla e dondolarla da sola per assimilare informazioni sensoriali e conforto. Se solo sapessi che la mia bambina è già tristemente “indipendente”,e che per questo dovremmo passare minuti, ore, giorni, settimane, mesi e anni cercando di curare quella parte del suo cervello che è traumatizzata e che ha paura dell'”insicuro”.

Se solo sapessi che la bambina “canta” a pieno ritmo la mattina e dopo il suo sonnellino, perché sa che il suo canto farà sì che qualcuno la porti fuori dalla culla e le cambi il pannolino. Se solo tu lo sapessi, che ora quella ragazzina si addormenta tra le braccia di sua madre o di suo padre invece di dondolarsi. Se solo sapessi che quella bambina ci ha fatto piangere tutte le volte in cui ha cercato consolazione, in modo totalmente spontaneo.

“Crescere male la mia bambina” è il lavoro più importante della mia vita ed è un privilegio. E lo porterò con me ancora un po’- finché il suo peso me lo consente – perché in questo modo imparerà a sentirsi al sicuro. Imparerà a sapere che importa a qualcuno! Che è amata! “Se solo sapessi quello che so … Se tu sapessi …!” La lettera si conclude.

Spesso le persone hanno le loro paure, esperienze e noi ci permettiamo di giudicarle senza conoscere, come è successo a questa povera donna. Nessuno sa abbastanza di nessuno per poter giudicare! Condividi la lettera forte di Kelly con tutti i tuoi amici per diffondere questo importante messaggio in tutto il mondo. Vorrei che la donna sconosciuta l’avesse letto!