Strano difetto genetico, le bastano novanta minuti di sonno ed è come nuova

Quando si tiene il proprio figlio appena nato tra le braccia, per la prima volta, si prova qualcosa di indescrivibile, di meraviglioso… è proprio ciò che hanno provato Ronin e Kirk Hisko, i protagonisti di questa storia. Sono due neo genitori di una bambina apparentemente sana…..


Con il passare dei giorni hanno notato che la loro bambina non cresceva in modo normale e hanno deciso di farle fare un approfondito esame medico

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Hanno scoperto che, purtroppo, la bambina era affetta dalla Sindrome di Angelman, una malattia genetica che colpisce il sistema nervoso. I sintomi principali sono il ritardo nello sviluppo psicomotorio, l’epilessia , la ridotta o inestistente capacità linguistica, scarsa recettività comunicativa, scarsa coordinazione motoria e problemi di equilibrio e movimento.

Ma oltre a tutti questi sintomi ce n’è un altro, di cui quasi nessuno è a conoscenza, questa sindrome colpisce gli ormoni che regolano il sonno. Ever, questo il nome della bambina, dorme un’ora a notte.

“Se riusciamo a dormire, ogni tanto, 4 ore a notte, possiamo considerarlo un grande trionfo”, racconta sua mamma.

“Ancora adesso che ha tre anni, si addormenta e si sveglia dopo un’ora e mezza, più carica che mai e rimane attiva per le successive 6 ore. Ci siamo abituati con il tempo, abbiamo bisogno di dormire ma lei no. E la cosa più incredibile è che durante il giorno è attiva e la stanchezza non sa nemmeno cosa sia!”

Fortunatamente questi due genitori hanno degli orari lavorativi molto flessibili e riescono a dormire a turno.

Ogni notte uno di loro rimane sveglio a giocare con la piccola, che non può parlare ma interagisce indicando le immagini. Nonostante le loro occhiaie si considerano due genitori felici.

“È iperattiva, salta , ride e gioca e tu, guardandola, non puoi fare a meno di sorridere. Niente riesce a buttarla giù. Siamo sempre lì, pronti ad aiutarla e sostenerla. Non importa quanto sia difficile ne quanti ostacoli ci ritroviamo ad affrontare ogni giorno. Cerchiamo sempre di insegnarle quante più cose possibili. Ha delle grandi capacità e noi siamo sempre positivi. È sempre felice e ci rende a nostra volta felici. Lei è il nostro angelo!”