Tema di un bambino di 7 anni

"Odio il cellulare di mia madre". Il tema di un bimbo di 7 anni è virale e fa riflettere, qualsiasi genitore dovrebbe leggerlo.

Home > Mamma > Tema di un bambino di 7 anni

“Odio il cellulare di mia madre”. Il tema di un bimbo di 7 anni è virale e fa riflettere, qualsiasi genitore dovrebbe leggerlo. Il bambino scrive un tema straziante sulla dipendenza di sua madre dal telefono.

 

 

Un’insegnante americana ha deciso di pubblicare sul suo profilo Facebook il tema di un suo alunno di soli 7 anni, il motivo è sorprendente. Il tema da svolgere si basava sull’invenzione che più detestavano e questo bambino ha scritto nel suo compito che odia lo smartphone perché i suoi genitori sono sempre al cellulare. La maestra è rimasta davvero sorpresa dalle risposte dei suoi alunni, su 21 studenti, 4 avevano indicato il cellulare come l’invenzione più detestabile. Così, ha voluto lanciare una specie di appello sulla sua bacheca invitando tutti i genitori ad ascoltare i loro bambini e lasciare il loro cellulare.

Ascoltate i vostri bimbi e lasciate i cellulari“, ha scritto su Facebook la maestra. L’incombente compito del bambino è diventato virale dopo che aver raccontato come sua madre fosse sempre incollata al suo telefono, la maestra Jen Adams Beason ha pubblicato su Facebook il tema: “Non mi piace il telefono perché mia madre sta al telefono tutto il giorno. Un telefono a volte è un pessimo affare. Odio il telefono di mia madre e vorrei che non ne avesse mai avuto uno. Questa è un’invenzione che non mi piace.”

Il tema scritto a mano era accompagnato dal disegno di uno smartphone con una croce e una faccia triste con una nuvoletta che diceva “Lo odio”.

Il post di Jen è stato condiviso migliaia di volte, tanti genitori hanno commentato esprimendo la loro colpevolezza e altri insegnanti hanno affermato di aver sperimentato la stessa cosa. Gli esperti hanno avvertito che i genitori dipendenti da smartphone stanno insegnando le loro cattive abitudini ai figli.

Uno studio pubblicato lo scorso maggio sulla rivista Child Development ha aggiunto che “le interruzioni basate sulla tecnologia nelle interazioni genitore-figlio” erano state collegate all’irrequietezza e alla rabbia nei bambini. Hanno proposto di designare “No Phone Zones” a casa e di utilizzare l’impostazione “Non disturbare” per garantire che i dispositivi abilitati a Internet non interrompano l’orario della famiglia.

Ogni giorno della nostra vita facciamo un deposito nella banca della memoria dei nostri figli.
– Charles Swindoll.