“Ti voglio bene mamma”, mi ha detto le sue ultime parole e poi ha chiuso gli occhi

Questa mamma è riuscita a raccontare la troppa sofferenza dietro la morte si suo figlio, al mondo intero, perché in qualche modo il suo obbiettivo era quello di sostenere ogni mamma nella sua stessa situazione e noi non possiamo far altro che sostenerla e ammirare il grande coraggio e la grande forza che le hanno permesso di andare avanti…

Il suo bambino Nolan, a soli 3 anni, ha scoperto di avere un tumore al tessuto connettivo, in termini medici soffriva di rabdomiosarcoma alveolare metastatico, un tumore molto raro che purtroppo si è diffuso troppo velocemente e ha smesso troppo presto di rispondere a qualunque terapia. I medici avevano avvertito mamma Ruth, con il cuore a pezzi, l’unica cosa che avrebbe dovuto fare adesso, era quella di stragli accanto, di tenergli la mano fino al suo ultimo respiro. Questa lotta tremenda è durata un anno e negli ultimi due mesi, come la stessa Ruth li ha definiti, hanno vissuto l’inferno assoluto. Ma questa mamma nell’ultimo anno di vita di suo figlio si è resa conto di quanto egli fosse meraviglioso e straordinario. Ha voluto raccontare a tutti noi, gli ultimi giorni di vita del suo bambino.

“Nolan è stato operato ma è stato inutile, l’oncologa era sempre stata sincera con me e quel giorno non riusciva nemmeno a parlarmi… le masse tumorali erano ormai troppo enormi, stavano premendo sui polmoni e sul cuore, aveva ormai poco tempo… aveva solo 4 anni eppure aveva un sogno… voleva fare del bene alle persone, voleva diventare un poliziotto. Le sue parole mi hanno straziato il cuore, ho provato a sostenere il suo sogno e a fare del bene. Questo è il motivo della mia raccolta fondi, vorrei aiutare la ricerca per i tumori infantili, così che altri guerrieri come Nolan possano uscirne vittoriosi.  Abbiamo avuto un’ultima conversazione, gli ho detto che doveva smettere di combattere e che doveva chiudere gli occhi, per sempre:

«Tesoro, ti fa male respirare, non è vero?»
«Beh… sì»
«Provi tanto dolore, non è vero piccolo?»
«Sì»
«Tesoro, questo cancro fa schifo. Non devi più combattere»
«Non devo? Ma lo farò per te mamma!»
«No tesoro! È questo quello che hai fatto fino ad ora? Hai combattuto per la mamma?»
«Certo!»
«Nolan Ray, qual è il compito della mamma?»
«Proteggermi!»
«Tesoro… non posso farlo più qui. L’unico modo per tenerti al sicuro è in cielo»
«Allora andrò in Paradiso a giocare fino a quando non mi raggiungerai! Verrai, giusto?»
«Assolutamente! Non puoi sbarazzarti della mamma così facilmente!»
«Grazie mamma! Andrò a giocare con Hunter, Brylee e Henry!»

Poi sono andata a fare la doccia e l’ho lasciato per poco tempo con suo zio. Quando sono tornata da lui era lì, circondato dalla troupe medica, aveva scelto di chiudere gli occhi per sempre, era clinicamente morto. E quello che è accaduto io non lo dimenticherò mai. Mi sono sdraiata accanto a lui, gli ho preso la mano, lui ha riaperto gli occhi, mi ha sorriso e mi ha detto ‘ti voglio bene mamma’ e poi è volato in cielo per sempre.”

Queste sono state le ultime parole della commovente storia di Nolan. Non riesco nemmeno ad immaginare il dolore di questa mamma ma adesso è consapevole del fatto che il suo bambino non soffrirà più. Potrai riabbracciarlo un giorno cara Ruth e nessuno potrà più separarvi. Cerca di essere forte! RIP piccolo Nolan, sei stato un vero guerriero.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Tutti rimasero scioccati nel vedere il bambino così diverso

Tutti rimasero scioccati nel vedere il bambino così diverso

Lascia sua figlia con la baby-sitter, ma quando rientra...

Lascia sua figlia con la baby-sitter, ma quando rientra...

Sono passati otto anni dalla famosa e incredibile nascita degli 8 gemelli. Eccoli oggi...

Sono passati otto anni dalla famosa e incredibile nascita degli 8 gemelli. Eccoli oggi...

Ricoverati per lo stesso difetto alla nascita, trasformano la loro vita in una favola

Ricoverati per lo stesso difetto alla nascita, trasformano la loro vita in una favola

Sveglia tutta la famiglia nel cuore della notte, il cane aveva qualcosa da dire

Sveglia tutta la famiglia nel cuore della notte, il cane aveva qualcosa da dire

Se vedi una farfalla viola sulla culla di un bambino, non fare domande alla mamma. Ecco perché

Se vedi una farfalla viola sulla culla di un bambino, non fare domande alla mamma. Ecco perché

Perché la mamma deve parlare al bambino nella pancia?

Perché la mamma deve parlare al bambino nella pancia?