Un bacio fatale

Un bacio fatale è costata la vita a Mariana, una bambina di 18 giorni...i genitori vogliono mettere in guardia tutti

Home > Mamma > Un bacio fatale

Shane e Nicole Sifrit , avevano ipotizzato che luglio sarebbe venuto pieno di gioia per una doppia celebrazione, la nascita del loro primo figlio insieme, seguito dal loro matrimonio. Il 7 luglio, i nuovi genitori si scambiato i voti con il loro bambino di sei giorni di età, ma hanno dovuto interrompere la celebrazione e portare la bambina in ospedale a Des Moines , vedendola impallidita, aveva smesso di mangiare e ci metteva troppo a svegliarsi

In due ore aveva smesso di respirare e tutti i suoi organi stavano iniziando a collassare, ha detto Shane Sifrit. Sua madre, Nicole Sifrit, 33 anni, ha detto che i medici non le hanno dato opzioni per salvarle la vita. Poco dopo, la mattina seguente, Mariana perse la sua lotta contro il virus e morì tra le braccia di suo padre , a 18 giorni, dopo aver ceduto a un’infezione da herpes contratta attraverso un bacio. Mariana era stata infettata da meningite da HSV-1 , causata dal virus dell’herpes, anch’esso responsabile dell’herpes labiale. La meningite da herpes può essere causata da batteri e trasmessa attraverso il contatto sessuale o passata da una madre infetta al bambino durante il parto. Nel caso di Mariana, tuttavia, i suoi genitori sono risultati negativi al virus. Quindi l’ipotesi che trattano è che la loro figlia ha contratto la malattia di qualcuno che aveva l’herpes, ma senza necessariamente mostrare sintomi, chi l’ha visitata e baciata. La donna di 33 anni ha anche un’altra figlia e due figli da precedenti relazioni. Con i suoi figli più grandi, Sifrit non ha permesso a nessuno di avvicinarsi al bambino nei primi giorni, ma dopo la nascita di Mariana, ha permesso ai visitatori dell’ospedale di farlo.

Nelle prime 48 ore, la bambina era già stata sottoposta a mezza dozzina le trasfusioni di sangue, ma i suoi reni collassarono, e richiedevano un trattamento di dialisi, anche il fegato aveva smesso di funzionare correttamente, con conseguente emorragia interna.

Il 10 luglio, Mariana fu trasportata per via aerea all’ospedale dell’Università dell’Iowa. Nicole Sifrit scriveva aggiornamenti regolari sulla salute di Mariana sul suo sito Facebook, con le immagini devastanti che mostrano la piccola collegata ad una vita artificiale, piena di tubi e aghi su tutto il suo corpo.

Quando la situazione della bambina peggiorò ulteriormente, la madre scrisse: “Il mio cuore è schiacciato, la mia bambina si sta spegnendo velocemente! Non ha attività cerebrale e i suoi polmoni e il cuore stanno collassando insieme ai suoi reni e al fegato. Non ci sono più opzioni per lei. ”

I medici hanno riferito che se Mariana fosse rimasta in vita, avrebbe avuto gravi complicazioni cerebrali permanenti. Nel bel mezzo del test devastante, Nicole e Shane Sifrit stanno facendo conoscere le condizioni della figlia e avvisano altri genitori di tenere i bambini isolati e non imbarazzatevi nel vietare le visite i primi giorni di vita.

“Non permettere a nessuno di venire a visitarli. Assicurati che si lavino costantemente le mani. Non permettere alle persone di baciare il tuo bambino e assicurati che ti chiedano il permesso prima di prendere in braccio il tuo bambino.

Hanno lanciato una campagna in GoFundMe per aiutare la famiglia Sifrit con le spese mediche e funebri di Mariana, compresa la tassa di $ 12.000 per il volo in elicottero tra i due ospedali. “Ora non soffre più ed è con il Signore”, ha scritto Nicole in un post di Facebook. “Nei suoi 18 giorni di vita ha avuto un grande impatto nel mondo e speriamo che con la storia di Mariana salveremo la vita di molti neonati. Dolce angelo dolce. ”

Questo piccolo angelo sta già riposando. Spero che i tuoi genitori trovino la forza per sopportare una perdita così difficile. Non giudicano nessuno, ma fanno bene ad avvertire i genitori di stare più attenti con i bambini appena nati. Condividi questa storia con tutti i tuoi amici in modo che più persone conoscano i rischi che i neonati possono affrontare.