Un incidente che gli ha cambiato la vita

Home > Mamma > Un incidente che gli ha cambiato la vita

A volte quando ascoltiamo alcune storie, non ci viene altro da pensare che i miracoli esistano davvero, quando ci sono poche possibilità di sopravvivenza e la vita è appesa ad un filo, Dio c’è e fa sempre qualcosa per evitare di far accadere una tragedia, che potrebbe anche portare alla morte…

A dicembre dello scorso anno, Dylan Miller ha avuto un incidente con la sua jeep e le sue condizioni erano molto gravi, il suo cranio era completamente devastato. Tutta la comunità era distrutta, era troppo giovane e aveva davanti a se una brillante carriera nel football, giocava nella squadra della Verrado High School, in Arizona. I medici hanno subito informato i genitori, che non ce l’avrebbe fatta e che aveva poche possibilità di rimanere in vita. Infatti la madre ed il padre, prima che lo portassero in sala operatoria per l’intervento, hanno dovuto salutarlo, perché quella sarebbe potuta essere l’ultima volta. Credevano di non dover mai dire “addio” ad un figlio, ma sono stati costretti. L’intervento è durato molto tempo ed i dottori hanno dovuto rimuovere la parte di cranio devastato e poi non hanno potuto fare altro che sperare, non potevano fare più di quello. Ma nonostante tutto Dylan ora, è vivo, sta imparando a parlare ed a camminare di nuovo e riesce anche a mangiare da solo. Tutta la comunità è stata molto vicina al dolore di questa famiglia, non li hanno mai abbandonati, con lettere e bigliettini da parte di tutti, anche i bambini piccoli. Hanno dato il loro contributo, facevano disegni da far vedere a Dylan quando si sarebbe ripreso. Guardate quello che è accaduto qui sotto:

Il miracolo è arrivato anche per questa famiglia, che ha vissuto la più terribile esperienza che si possa subire nella vita.

É davvero incredibile come questo ragazzo sia stato forte, non voleva assolutamente lasciare questa vita!

I genitori dicono che miracolo più bello di questo non potevano ricevere.

Condividiamo questo finale bellissimo!