Un terribile errore

Quando il dottore vide il bambino, senza dire nulla chiamò polizia e assistenti sociali. Il bimbo fu strappato via dalle braccia della madre e i genitori furono arrestati per maltrattamento sui minori. I genitori erano disperati, ma cinque mesi dopo si scopre la scioccante verità

Home > Mamma > Un terribile errore

Uno dei compiti della polizia, è la difesa e la protezione dei bambini. Ed era quello che questi agenti di polizia hanno fatto davanti alle presunte prove fisiche del possibile maltrattamento di Teddy. Gina Hodgkins, 25 anni, e il suo compagno, Joshua Sparks, sono stati descritti come genitori violenti perché il loro bambino Teddy era pieno di lividi.

Questi lividi che possono essere facilmente confusi con i sintomi del maltrattamento sui minori, in realtà provengono dalla sindrome di Ehlers-Danlos (EDS), che appunto causa lividi.. Gina ha deciso di pubblicizzare la situazione di Teddy con l’intenzione di sensibilizzare su questa condizione. Ha commentato che non sarà mai in grado di recuperare i cinque mesi persi con Teddy e Amelia, la figlia maggiore, dopo che sono stati confinate in una famiglia temporanea. I miei figli mi sono stati portati via senza aver fatto niente di male. Ho perso cinque mesi di legame con loro durante un periodo formativo delle loro vite. Non potrò mai recuperarlo. ” Questa madre ha spiegato che Teddy ha una malattia che colpisce un bambino su cinque mila chiamata EDS e gli attivisti dicono che fino ad oggi, duecentocinquanta genitori di bambini con questa condizione, sono stati accusati di abuso per sbaglio. Il suo incubo iniziò davvero sei settimane dopo aver avuto Teddy durante una visita di controllo al centro di salute. La sua faccia aveva ancora lividi visibili che si erano formati dalla sua nascita. Un medico ha notato i lividi e senza dire una parola ha contattato i servizi sociali e la polizia. Trascorsa un’ora, due assistenti sociali e sette poliziotti in borghese andarono a casa loro. “Quando sono arrivati, avevo Teddy addormentato in braccio, ero seduto sul divano.” racconta il padre. L’ispettore gli ha chiesto di mostrare la sua bambina e non appena ha visto la sua faccia, gli ha detto che era in arresto con l’accusa di pedofilia.

Joshua era molto arrabbiato e ha cercato di intervenire. Questo padre stava abbracciando suo figlio contro il suo petto quando gli ufficiali gli si avvicinarono. “Non volevo lasciarlo andare, ma quando mi hanno detto che mi stavano arrestato e che dovevo andare con loro, ho accettato di lasciarlo sul seggiolino. Mi hanno detto che se fossi andato senza obiezioni non mi avrebbero ammanettato “.

 

Questa madre ha confessato di non voler piangere di fronte ai bambini, ma quando sono stati portati via è crollata. La famiglia andò all’ospedale Epsom per fare a Teddy alcuni studi supplementari e nonostante i genitori insistessero per la loro innocenza, entrambi furono arrestati e costretti a camminare attraverso l’ospedale in manette. È stato straziante scoprire che, nelle condizioni di libertà provvisoria, c’era il divieto di vedere i propri figli durante i primi quindici giorni mentre erano in cura d’emergenza.

Dopo le prime due settimane hanno potuto vedere i loro bambini una volta alla settimana per un’ora sotto stretto controllo. La nonna materna dei bambini ha ricordato che c’era una storia di lividi tra la famiglia e ha chiesto che Teddy fosse testato per l’EDS, il che fu positivo quattro mesi dopo. Tuttavia, nonostante queste informazioni, questi genitori hanno dovuto aspettare altre quattro settimane per recuperare i bambini perché il Consiglio della contea di Surrey non ha chiuso il caso contro di loro.

 

Il 25 gennaio dello scorso anno, i servizi sociali hanno finalmente abbandonato il caso e Gina e Joshua hanno recuperato i loro figli. Questa esperienza è stata molto traumatica per tutti, specialmente per Amelia che ha otto anni ed è terrorizzata nel pensare che la riporteranno via.

Il dottor Waney Squier, un neurologo pediatrico che figurava come testimone esperto in caso di bambini maltrattati, disse che questi casi non sono facili da identificare. Ha riconosciuto che i medici dovrebbero essere istruiti su queste, sulle diagnosi alternative.

Un portavoce del Surrey County Council ha detto che in ogni caso come questo è davvero difficile determinare che v’è un abuso e la prima cosa per loro è il benessere del bambino. Ha affermato che questo caso era basato su prove mediche e sulla procedura di un tribunale di famiglia, che ha deciso che era giusto che i bambini fossero consegnati ai loro genitori. Ha aggiunto che questa sindrome era nuova per loro.

Fortunatamente, l’innocenza di questi genitori responsabili e amorevoli con i loro figli è stata chiarita. Condividi questa interessante informazione che pochi conoscono su questa strana condizione.