Una lettera per sempre

La madre trova la lettera che sua figlia le ha scritto poche ore prima di perdere la vita nel sonno. Ecco le parole scritte da una ragazza di 17 anni, che questa mamma devastata dal dolore, ricorderà per sempre.

Home > Mamma > Una lettera per sempre

Tanya Russell, 44 anni, è la madre di tre ragazze ma purtroppo una di loro le è stata strappata via dalla morte. La famiglia residente di Somerset, in Inghilterra, ha avuto una vita tranquilla fino al 6 ottobre 2017, quando la diciassettenne Johdi Russell si è spenta mentre dormiva.

Tanya stava progettando un viaggio in Spagna insieme al suo compagno Mark per festeggiare il suo compleanno, ma una strana sensazione l’ha costretta ad annullarlo. Inconsapevolmente, questa donna sembra aver intuito la morte di Johdi e ha deciso di parlare di ciò che è accaduto, dopo aver trovato una lettera che l’adolescente ha scritto un giorno prima della sua morte. Quando Johdi aveva 2 mesi, aveva sofferto di una crisi epilettica e a 6 mesi si sono accorti che il punto debole del cranio non si era chiuso sopra la sua testa. A quel tempo, i medici ritenevano che questo potesse essere correlato a un quadro febbrile. Per anni questo episodio non ha avuto conseguenze serie. Fino al 2016, quando la ragazza ha avuto un nuovo attacco epilettico mentre era a casa con la sorella minore Aime, di 16 anni. Una risonanza magnetica e un test EEG, che valuta l’attività elettrica nel cervello, hanno rivelato che soffriva di epilessia congenita. Da quel momento, Johdi iniziò un trattamento per controllare la sua malattia. Sfortunatamente, l’epilessia non ha cura quindi la giovane donna avrebbe dovuto curarsi per tutta la vita. Oltre a questo, Johdi era sana come qualsiasi altra ragazza della sua età. Forse non essere in grado di guidare era una delle maggiori preoccupazioni per lei perché non si sentiva affatto male.


“Il farmaco sembrava funzionare, a volte passavano settimane senza avere un attacco. Johdi si sedette sotto le scale, dicendo: “Devo essere già guarita. Posso imparare a guidare adesso? Ma non era così semplice “, ricorda la madre.

Il 4 ottobre è stato il compleanno di Tanya Russell, che ha deciso di sospendere il suo viaggio in Spagna e trascorrere quell’appuntamento con le sue figlie e altri parenti. In quel giorno, Johdi consegnò una lettera a sua madre in cui scherzava sulla sua età e alla fine condivideva alcune belle parole che la fecero piangere.

“Buon compleanno mamma! Cara mamma,Sei la madre più solidale, amorevole e comprensiva di tutte. Mi fai sentire molto felice, supportata e al sicuro quando sono al tuo fianco. So che farai sempre del tuo meglio per aiutarmi. Non   avrei potuto finire quest’anno senza di te, mamma. Non avrei potuto andare da nessuna parte senza di te davvero, sei incredibile, un’incredibile madre per noi. ”

Continua a essere fantastica e pazzerella come sempre! Ti amo all’infinito e oltre … Johdi. ”

Tanya ricorda di aver abbracciato sua figlia quando ha finito di leggere la lettera. Il giorno dopo la celebrazione, Johdi ha avuto un attacco epilettico e ha passato la giornata a casa con i suoi genitori. Il 6 ottobre, Mark andò nella stanza della ragazza per assicurarsi che tutto andasse bene, Johdi dormiva. Intorno alle 12, Tanya tornò nella stanza della ragazza e quando entrò vide Johdi cadere a terra, in preda a un attacco.

Immediatamente, la donna ha chiamato per le emergenze e sono arrivati ​​i paramedici. Un elicottero ha portato Johdi all’ospedale, dove hanno lavorato per salvarla per più di due ore. Sfortunatamente, la giovane donna non ha resistito ed è stata uccisa da un improvviso attacco. Ore dopo aver detto addio a sua figlia, Tanya ha ritrovato la lettera di Johdi.

Ora, questa madre mantiene le ultime parole che sua figlia le ha dedicato come un modo per conservare tutto il suo amore nella sua memoria. Johdi era una giovane donna felice e amorevole e la sua perdita è stata una grande tragedia per tutti quelli che la conoscevano. Tanya vuole mettere in guardia le persone circa il pericolo di morte improvvisa, non per creare allarme circa l’epilessia, ma per informare le famiglie sui rischi e l’importanza di cogliere ogni momento della vita al meglio, specialmente con le persone che amiamo.