Uomo non vuole smettere di “torturare la figlia”

La storia che stiamo per raccontarvi è capitata il trentuno dicembre del 2013. Ruslan e Anastasia Odomec hanno due figli Rodomir, cinque anni e Alesya tre. Avevano organizzato una festa per festeggiare la fine dell’anno.. In casa avevano una piscina e avevano lasciato i bambini in una stanza a giocare tutti insieme.

Mentre gli adulti erano nell’altra stanza, i figli giocavano in un’altra con un cugino più grande. Solitamente le risate di Alesya si sentivano anche a distanza, ma ad un certo punto, la situazione era diventata un po’ troppo calma. Così l’uomo si è preoccupato ed è andato a vedere. Non c’era nessuno. Non sapeva dove trovarli, così ha girato ovunque, per tutta la casa, quando ad un certo punto si è trovato davanti alla piscina e per lui è stato il momento più brutto della sua vita. La sua bambina giaceva lì sul fondo, stava per morire. Ruslan preso dal panico, ha cacciato subito la figlia dall’acqua e ha iniziato a fare quello che vedeva nei film. Cioè ha provato a rianimarla con la bocca aperta. Quando la madre è arrivata ed ha visto tutto, è svenuta. I nonni hanno chiamato l’ambulanza. Finalmente dopo dieci minuti i dottori sono arrivati. Hanno fatto spostare l’uomo e dopo pochi minuti, hanno dichiarato Alesya morta. Ruslan si è messo per terra con la sua bambina, pregando i medici di fare qualcosa, mentre lui continuava a fare la rianimazione. Ma gli operatori erano già al telefono con la polizia per dichiarare il decesso. L’uomo non poteva accettarlo, non poteva perdere la sua bambina. Così ha continuato a fare la rianimazione a quel corpicino senza vita. I medici infatti gli hanno chiesto di “smettere di torturare il corpo di Alesya”, parole davvero inopportune in un momento come quello. Ma non appena scese la tensione e la disperazione, dopo ben quaranta minuti, è accaduto un miracolo, il cuore della piccola ha iniziato a battere di nuovo.

I medici non riuscivano a crederci, ma non hanno perso tempo ed hanno subito caricato Alesya in ambulanza e l’hanno portata in ospedale. La bambina era entrata in coma.

I medici hanno fatto di tutto per tenere in vita la piccola, i suoi genitori potevano solo sperare, non potevano fare altro. Dopo due durissime settimane, Alesya si è stabilizzata, ma i dottori avevano già avvisato Ruslan ed Anastasia che forse non si sarebbe ripresa del tutto. Infatti la bambina non poteva più parlare, vedere e muoversi.

Ma i miracoli non erano finiti, perché nelle settimane successive Alesya ha iniziato a fare progressi. Aveva recuperato le forze e ha iniziato a parlare di nuovo, anche se molto lentamente. Dopo alcuni mesi la piccola è guarita del tutto.

Non possiamo fare altro che rendere i nostri omaggi a quest’uomo che nonostante tutto, ha continuato a lottare per sua figlia! Una storia che rimarrà sicuramente nei nostri cuori!

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Lascia suo figlio, appena nato, chiuso in macchina, con un biglietto

Lascia suo figlio, appena nato, chiuso in macchina, con un biglietto

Il gesto di un'infermiera per una nonnina in fin di vita

Il gesto di un'infermiera per una nonnina in fin di vita

A 11 anni è rimasta incinta, quando hanno scoperto chi era il padre, nessuno ha detto più una parola

A 11 anni è rimasta incinta, quando hanno scoperto chi era il padre, nessuno ha detto più una parola

Il miracolo di Ruben e Theo, due gemelli che si sono amati prima di nascere

Il miracolo di Ruben e Theo, due gemelli che si sono amati prima di nascere

Tutti rimasero scioccati nel vedere il bambino così diverso

Tutti rimasero scioccati nel vedere il bambino così diverso

Se vedi una farfalla viola sulla culla di un bambino, non fare domande alla mamma. Ecco perché

Se vedi una farfalla viola sulla culla di un bambino, non fare domande alla mamma. Ecco perché

Ricoverati per lo stesso difetto alla nascita, trasformano la loro vita in una favola

Ricoverati per lo stesso difetto alla nascita, trasformano la loro vita in una favola