Abbigliamento biologico: cos’è e come riconoscerlo

 

I capi d’abbigliamento biologici sono tutti quelli derivanti da fibre che vengono trattate con sostanze naturali e a basso impatto ambientale. Gli abiti sono prodotti a partire da fibre vegetali o dal manto degli animali.

Gli standard

E’ l’IFOAM (International Federation of Organic Agriculture Movements) che ha pubblicato gli Standard per il Tessile Biologico da utilizzare sui mercati internazionali. Per essere biologiche le fibre naturali devono essere state coltivate e certificate da agricoltura biologica, anche se l’uso di alcuni elementi chimici durante le fasi di trasformazione è ammesso nel caso in cui non ci sia un sostituto biologico – e comunque  è ridotto al minimo.

Un capo è biologico se sono adottate politiche ambientali quali riciclo, risparmio energetico, nei siti di produzione, se si usano detergenti, sgrassanti e saponi biodegradabili. Qualsiasi accessorio non biologico, come bottoni, cerniere lampo, filo elastico deve essere sulla lista degli accessori approvati e non contenere nichel.

abbigliamento-vegan
Abbigliamento ecologico

Come si riconoscono

Le etichette che troviamo applicate su questi capi sono:

100% Biologico” (oppure “100% Organic” in inglese): significa che i componenti sono biologici certificati, compreso il filo per cucire. Inoltra, stati seguiti tutti i criteri di trasformazione degli standard.

Biologico (oppure “Organic”  in inglese): perlomeno il 95% (in peso) delle fibre devono essere biologiche certificate e devono essere applicati tutti i criteri di trasformazione degli standard. Per il 5% restante le fibre  possono essere non-biologiche o sintetiche purché non si trovino nella lista delle fibre tossiche non consentite.

Fatto con fibra biologica (specificando quale fibra): significa che almeno il 70% (in peso) del capo è stato prodotto con fibre coltivate o allevate biologicamente.

Questi capi oggi li troviamo in alcuni negozi specializzati ma per lo più in rete, dove vi sono molte aziende che stanno divulgando la cultura dell’abito che aiuta la natura.

 

di Marianna Feo