Angelo Cruciani contro il Coronavirus

L'iniziativa di Angelo Cruciani contro il Coronavirus

Home > Fashion > Angelo Cruciani contro il Coronavirus

Angelo Cruciani, fondatore e mente creativa del brand Yezael, da sempre attivo sul fronte sociale, anche in occasione dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19 decide di agire e dare il suo contributo, suo e della sua famiglia.

Originario delle Marche, dove lo stilista ha intrapreso il proprio percorso di formazione ad Urbino, e dove per molti anni ha ricoperto il ruolo di Direttore Creativo per diversi brand locali. E’ proprio a questa regione che si rivolge il suo pensiero, ma non solo. Impegnato da anni per la lotta dei diritti umani, le sue mostre d’arte sono sostenute da Amnesty International.
Autore flashmob del Milano Pride, il più grande, SVEGLIATITALIA, che ha portato in piazza un milione di persone nel 2016.

Yezael è infatti l’angelo dell’incontro e dell’unione, proprio perché il brand da sempre ha la volontà di comunicare in maniera innovativa, rispondendo alle necessità dei più giovani, in una generazione dove l’individualità e l’ego stanno perdendo potere e attrattività, e la condivisione e l’incontro sono la direzione in cui sta andando la nostra società.

Sposato nel 2018 con l’attore Shi Yang Shi, di origine cinese, operano su diversi fronti per dare il loro contributo all’emergenza che tocca Milano, la Lombardia, l’Italia e il mondo, attraverso attività dirette e precise. La coppia da anni vive divisa tra Milano e Shangai, Yang, in arte Shi yang Shi, oltre alla sua prima attività di attore da sempre si occupa di mediazione culturale volta all’ integrazione della comunità cinese in quella italiana, ospite delle più importanti trasmissioni televisive nazionali in rappresentanza della Cina nel nostro paese.

Insieme, hanno lanciato in queste ore una campagna in Crowd Funding per sostenere l’emergenza sanitaria che stanno attraversando gli Ospedali delle Marche, specialmente nell’Area di Pesaro Urbino, zona rossa, con l’ambizioso obiettivo di raccogliere 200 mila euro. La raccolta promossa attraverso i canali social dello stilista e dell’anchor man sta procedendo velocemente verso l’obiettivo.
“Una ricerca fondi non è solo un mezzo tecnico per far arrivare del denaro e degli aiuti fondamentali
nell’urgenza del momento” dichiara lo stilista, e prosegue “la solidarietà e la fratellanza sono fondamentali per generare ottimismo e positività in un orizzonte sempre più dipinto di dati e proiezioni terrificanti, credo che la prima cura collettiva sia generare ottimismo e fratellanza, ora che siamo tutti forzatamente isolati spero che si radichi nella consapevolezza l’importanza che hanno gli altri nella nostra vita”.

Yang si sta inoltre occupando di reperire e consegnare mascherine sanitarie in emergenza all’Arma dei Carabinieri della Lombardia. Inoltre, grazie alle sua lingua madre offre il suo operato come traduttore volontario tra il gruppo di medici ed esperti arrivati dalla Cina, ora operativi a Bergamo, ed i nostri corpo medici locali.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI