19enne vomita 30 volte al giorno a causa di una malattia terribile

Il dramma di Caitlin: soffre di gastroparesi. Ecco di cosa si tratta

Home > Notizie > 19enne vomita 30 volte al giorno a causa di una malattia terribile

Caitlin White è una ragazza australiana di 19 anni che soffre di una malattia terribile: la gastroparesi, un disturbo digestivo causato dalla diminuizione dell’attività del sistema muscolare gastrico. All’età di 15 anni Caitlin ha cominciato a dimagrire, perdendo 28 chili in 13 mesi. Poi è subentrato un altro sintomo devastante: la ragazza ha iniziato a vomitare liquido nero per 30 volte al giorno, soffrendo altresì di forti dolori allo stomaco.

19enne-vomita-30-volte-al-giorno-a-causa-di-una-malattia-terribile

Cos’è la gastroparesi

I sintomi principali della gastroparesi sono nausea e vomito ma chi ne è colpito soffre anche di dolori allo stomaco e gonfiore. Inoltre, il paziente avverte una sensazione di pienezza dopo avere mangiato soltanto un po’ e, nei casi più gravi, la perdita di peso è notevole, dovuta all’assunzione ridotta di cibo.

Il vomito di solito si verifica dopo i pasti. Tuttavia, in caso di gastroparesi grave, il vomito si può presentare in qualsiasi momento a causa dell’accumulo di cibo nello stomaco. Ciò avviene dopo un pasto quando lo stomaco s’ingrandisce per via del cibo mangiato e di quello che era già lì. Inoltre, si blocca il passaggio del cibo dallo stomaco all’intestino.

Nelle persone sane, il cibo viene digerito parzialmente nello stomaco, mentre la digestione finale avviene nel duodeno, la prima parte dell’intestino tenue. Perciò, le sostanze nutritive del cibo digerito vengono assorbite a livello intestinale.

In caso di gastroparesi, però, il cibo resta nello stomaco e comincia a fermentare. Il paziente avverte così un disagio sotto forma di gonfiore, dolore e crampi allo stomaco, nausea e vomito.

Curare questa patologia è molto difficile e, nei casi più gravi, bisogna ricorrere all’intervento chirurgico.

Inoltre, l’assunzione ridotta di cibo, nonché la limitazione delle scelte alimentari, possono portare a carenze nutrizionali. La gastroparesi può sviluppare anche una malattia da reflusso gastroesofageo.

Caitlin White - gastroparesi

La vita di Caitlin dopo la diagnosi

Caitlin è stata ricoverata per 10 mesi nell’ospedale di Ninewells, in Scozia.

I medici hanno cercato di aiutare la ragazza ma senza successo, perché il caso era troppo complicato e richiedeva un approccio ad hoc.

I medici hanno persino suggerito di stimolare meccanicamente lo stomaco ma hanno poi rinunciato a questa idea.

Alla ragazza è stata applicata la nutrizione parenterale, ovvero la somministrazione di nutrienti (aminoacidi, glucosio, elettroliti e altre sostanze) direttamente per via venosa, scavalcando l’apparato digerente.

Tuttavia, è stato necessario interrompere la terapia dopo che Caitlin ha sviluppato la setticemia, una grave forma di infezione che si caratterizza per la risposta infiammatoria abnorme messa in atto dall’organismo.

Caitlin White - gastroparesi

La famiglia della ragazza, preoccupata, ha cercato di chiedere aiuto ad altri centri ed è stata seguita al NHS Greater Glasgow da uno dei migliori gastroenterologi del Regno Unito: il dr. Ruth McKee.

Caitlin attualmente pesa poco meno di 40 chilogrammi e vive con i suoi nonni in Australia ma è ancora dipendente dalla terapia e viene visitata ogni giorno. Per uscire, la ragazza ha bisogno di usare una sedia a rotelle. Può mangiare soltanto cibi liquidi ma il suo corpo non riesce ancora ad assorbire le calorie. Per i medici Caitlin potrebbe non farcela: è esausta e la malnutrizione minaccia tutti i suoi organi. Tuttavia, nonostante queste difficoltà, la ragazza non ne vuole sapere di arrendersi e fa bene, dimostrando così un grande attaccamento alla vita.