La bimba di 9 mesi salvata dalla baby sitter

Chiunque lavori con i bambini si rende conto della responsabilità che questo comporta. Molti fanno bene il loro lavoro ma ogni tanto si ha la fortuna di trovare delle baby sitter che fanno molto più di quanto qualsiasi genitore possa chiedere. Kiersten Miles, 22 anni, lavorava come baby sitter per i tre figli di George e Farra Rosko.



CLICCA QUI X COMPRARE LA SPAZZOLA!




Lavorava da poche settimane, ma un giorno ha preso una decisione che avrebbe cambiato la sua vita per sempre. Era una decisione che avrebbe lasciato i genitori enormemente grati. Kiersten Milles è un giovane americana di 22 anni che, per pagarsi gli studi, ha trovato lavoro come bambinaia. È così che ha incontrato la famiglia Rosko e ha iniziato a prendersi cura dei tre figli della famiglia. In breve tempo Kiersten si affezionò moltissimo alla figlia più piccola, Talia. Ma si scoprì che la piccola di soli nove mesi, aveva una grave malattia che fa accumulare la bile nel fegato causando gravi danni al corpo. Quando i medici scoprirono che Talia aveva bisogno di un nuovo rene, Kiersten non esitò un secondo. Voleva fare tutto il possibile per aiutare la bambina. All’inizio i genitori erano un po’ insicuri, hanno spiegato a Kiersten che si trattava di una decisione molto importante. Non era come donare sangue, trapiantare un organo è un processo completamente diverso. Ma Kiersten aveva deciso e aveva direttamente iniziato il processo necessario. Ha fatto i test che hanno dimostrato che il suo gruppo sanguigno era compatibile con quello della bambina. La famiglia era molto grata per la generosità di Kiersten. Ma per tutto il tempo rimasero calmi, cercarono di non illudersi, George e Farra non volevano fare pressione sulla tata nel prendere una decisione così difficile.

Ma Kiersten non ha esitato, finalmente, l’11 gennaio di quest’anno ha subito l’estrazione di una parte del suo fegato che è stata rapidamente trapiantata in Talia. L’operazione è durata 14 ore.

L’operazione è andata bene! Kiersten dovette rimanere in ospedale per 5 giorni, Talia dovette rimanere per nove giorni. Fortunatamente le due guerriere si sono riprese abbastanza velocemente e oggi Talia sta molto bene.

Quasi nessuno può sospettare che Talia abbia attraversato un’operazione così delicata. È come qualsiasi bambina – corre, gioca e mangia come non mai! Kiersten ha un cuore enorme! In un mondo che spesso può sembrare molto buio, pieno di persone fredde ed egoiste, le persone come Kiersten ci danno speranza.

Poteva andare avanti con la sua vita, dato che neanche conosceva bene la famiglia, invece ha scelto di subire un’intervento rischioso perché una bambina potesse andare avanti con la sua vita. Se Kiersten non è un’eroina, allora non so chi lo sia … Condividi quest’atto di puro altruismo…