Bambina guarisce improvvisamente. Al risveglio grida Gesù

Jamie è la madre di una figlia estremamente allegra e con tanta voglia di vivere, Brittany Backenhaster. Tuttavia, una mattina Jamie trovò la sua giovane figlia distesa sul pavimento della camera da letto, tremante e boccheggiante. Brittany era nel bel mezzo di  una “crisi epilettica”. Jamie ne sapeva abbastanza del disturbo e si prese cura di lei con l’amore che solo una mamma sa dare e con l’aiuto dei farmaci riusciva a tenere a bada la malattia.


Tuttavia, quando Brittany non reagì piu alle cure tradizionali, la sua famiglia iniziò a perdere la speranza. La situazione divenne così terribile che Jamie iniziò a incolpare se stessa per la malattia di sua figlia. Era fondamentale per la bambina indossare sempre un caschetto per rimanere protetta durante le crisi.

Aveva anche bisogno di farmaci costosi per lenire gli attacchi. I fondi necessari per permettersi questi trattamenti erano spesso un problema e la famiglia era naturalmente molto stressata. Una volta, Brittany fu ricoverata in ospedale per quasi 3 settimane e le risonanze magnetiche sentenziarono che c’erano poche speranze per la sua guarigione. A Jamie fu detto di portare Brittany a casa e lasciarla in serenità mentre lei respirava i momenti finali.

La madre angosciata ha pregato tutta la notte per la sua bambina malata. Apprendiamo il seguito attraverso un’intervista che quest’ultima ha rilasciato all’emittente CBS con la voce rotta dall’emozione.

youtu.be/lvCfl7CbfVk

Al mattino, Brittany ha sorpreso tutti indicando un punto esclamando “Gesù! Gesù! “La bambina di cinque anni descrisse il suo incontro con Cristo mentre lei giaceva sul letto dove doveva esalare gli ultimi respiri. La mamma non riusciva a credere che le sue preghiere fossero state esaudite così repentinamente e completamente.

Nei giorni seguenti i test e gli esami non lasciavano spazio a dubbi. I medici  non poterono far altro che dichiararla inspiegabilmente guarita e assolutamente in salute, senza alcun segno della malattia. Condividi questa storia con i tuoi amici per ricordare loro che Dio è capace di miracoli simili.