Ci sono cose peggiori della morte

Ci sono storie che scombussolano lo stomaco e questa è indubbiamente una di loro: l’orribile abuso subìto da una bambina per mano di sua madre e patrigno. Molti potrebbero sentirsi disturbati nel leggere questo tipo di notizie, ma è importante sapere che queste cose accadono per poter essere più convinti ad agire quando si hanno dubbi su maltrattamenti.


La protagonista di questa triste storia è Lauren Kavanaugh, degli Stati Uniti. La storia terrificante degli abusi subiti da Lauren Kavanaugh è venuta alla luce nel 2001, dopo che le autorità l’hanno trovata, a soli 8 anni, chiusa nell’armadio di sua madre, addormentata tra i suoi escrementi, era pelle e ossa e con i segni di aver subito abusi. Come riportato dal quotidiano DailyMail, Lauren è stata inizialmente data in adozione a Bill e Sabrina Kavanaugh. Con la sua nuova famiglia la piccola ha vissuto giorni felici. Tuttavia, l’infanzia tranquilla e felice non sarebbe durata a lungo per Lauren. La madre biologica, Barbara Atkinson, aveva cambiato idea e voleva che sua figlia tornasse. Un errore dell’avvocato quando completava i documenti di adozione significava che i Kavanaugh non potevano fare nulla e che Lauren era stata restituita a sua madre. Fu allora che iniziò il suo incubo. Un giorno, spiega Lauren, stanca di sentirla piangere, Barbara, sua madre, la mise nell’armadio. Pensava che fosse una punizione temporanea, ma si sbagliava. Dice che quel giorno, quando aveva ancora 3 anni, abusarono di lei e la rimisero nell’armadio, che divenne la sua nuova casa. Gli abusi da parte della madre e del suo patrigno, Kenneth Ray Atkinson, erano costanti.

ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Lauren Kavanaugh

Non l’hanno nutrita, l’hanno picchiata e l’hanno fatta dormire tra le sue stesse feci. Ricorda che una volta sua madre le mise la testa in acqua finché non perse conoscenza.

Lauren Kavanaugh

Né sua sorella maggiore né i suoi altri 4 fratelli minori hanno avuto tali trattamenti. Secondo la madre, era “cattiva” e lo meritava…

Non vi racconteremo nel dettaglio ciò che facevano a quella povera bambina, perché è troppo anche per noi parlare di una bambina lasciata in balia di pedofili, ma quando la trovarono, Lauren aveva le dimensioni di una bambina di 2 anni e le sue capacità fisiche e cognitive erano poco sviluppate a causa del suo isolamento e della mancanza di cibo.

Lauren Kavanaugh

Il suo stomaco era gonfio per la grave malnutrizione che soffriva.

Più tardi scoprirono che la strana lingua che parlava, l’aveva imparata dai testi di musica country che sua madre usava per far tacere le sue urla mentre la torturava. I medici hanno dovuto lavorare sodo nel suo recupero. Ha subito diversi interventi ricostruttivi a causa dei gravi abusi a cui è stata sottoposta. Hanno anche dovuto nutrirla con un sistema sviluppato per le vittime dell’Olocausto.

Barbara Atkinson e il suo patrigno, Kenneth, sono stati condannati a passare le loro vite in carcere e il loro caso non può essere esaminato fino al 2031.

Lauren Kavanaugh

Negli anni seguenti, Lauren tornò a vivere con la sua prima famiglia adottiva, i Kavanaugh. Ma il suo incubo non è finito qui. Come se ciò non bastasse, nel 2005 gli assistenti sociali convinsero i Kavanaughs a lasciare la ragazza qualche volta con un cugino più grande e il suo compagno. Pensavano che le facesse bene instaurare un rapporto con qualcuno della propria famiglia. Poi il marito del cugino la portò fuori e la violentò.

Negli anni seguenti Lauren sperimentò episodi di rabbia, litigi a scuola e tentò di suicidarsi più volte. Ma il cambiamento è arrivato quando è stata portata in una scuola speciale, dove ha incontrato altri sopravvissuti ad abusi come lei. Quindi ha capito che non era sola. Oggi sembra che Lauren, per quanto possibile, sia riuscita a ricostruire la sua vita, grazie in parte al sostegno della sua fidanzata, Janae. Anche così, Lauren conserva ancora profonde cicatrici fisiche e psicologiche, che sicuramente la accompagneranno per il resto della sua vita.