Deputata scopre in Parlamento che la figlia è stata assassinata: le sue urla di dolore

Le urla strazianti della deputata Carmen Medel alla notizia della morte della figlia 22enne.

A un tratto, durante una normale seduta del Parlamento messicano, una deputata comincia a urlare e a piangere di dolore. Si tratta di Carmen Medel, membro del Movimiento Regeneración Nacional del presidente Andres Manuel Lopez Obrador, devastata dalla notizia dell’uccisione della figlia 22enne.

Carmen Medel

Valeria Cruz Medel è stata vittima di un killer a Ciudad Mendoza, nello stato di Veracruz. Il video che ha catturato il dramma della parlamentare sta facendo il giro del mondo:

Porfirio Muñoz Ledo, presidente della Camera dei Deputati, ha affermato: “Non possiamo lasciar passare questo momento senza sottolineare il grave stato in cui versa il paese, la vulnerabilità delle famiglie e soprattutto l’impunità”, annunciando l’interruzione dell’attività parlamentare fino a martedì 13 novembre.

Il giorno dopo, mercoledì 14 novembre, è atteso il piano per la sicurezza del presidente Obrador. In Messico, infatti, il tasso di omicidi è tra i più alti del mondo: oltre 22mila dal mese di gennaio.

Valeria-Medel
Valeria Medel, la vittima.

Il presidente del Messico ha subito espresso la massima solidarietà alla deputata del suo partito: “Sono estremamente scosso per l’uccisione della giovane studentessa Valeria Cruz Medel, figlia della deputata Carmen Medel. A lei e alla sua famiglia mando un forte abbraccio. Faremo tutto il possibile per frenare la violenza che provoca atroci sofferenze a tanti messicani”.

Richi, il killer.

Oltre alla figlia della deputata, raggiunta da diversi colpi di pistola mentre usciva da una palestra, è stata uccisa anche un’altra ragazza che si trovava con lei.

La polizia, grazie alle riprese delle telecamere di sicurezza e alla testimonianza di alcuni passati, è riuscita a risalire al responsabile, un delinquente già noto alle forze dell’ordine con il soprannome di El Richy. L’uomo, però, è stato trovato morto all’interno di un veicolo.

A quanto pare, Valeria Cruz è stata uccisa perché somigliava molto a una donna considerata un’esponente della criminalità organizzata e il killer avrebbe commesso un tragico scambio di persona.