Due parole salvano la bambina

Home > Notizie > Due parole salvano la bambina

La piccola Jocelyn stava giocando in un parco dove era andata con la sua famiglia, quando un uomo si avvicina e le chiede se vuole un gelato, Jocelyn da bambina innocente, non ha visto la malvagità che si nascondeva dietro quella domanda, così ha seguito l’uomo. Non ci volle molto perché la nonna si rendesse conto che sua nipote non c’era.

Chiamò e urlò il suo nome ma quando non ricevette alcuna risposta, capì che c’era qualcosa di molto sbagliato. Chiamò direttamente la polizia, che presto arrivò al sito e organizzò una ricerca, l’accaduto divenne rapidamente notizia. Due ragazzini di 15 anni, Chris e Temar, erano in una stazione di servizio quando hanno visto il messaggio della polizia in televisione. I ragazzi erano nella zona del rapimento e hanno deciso di andare a cercare la bambina con le loro biciclette. Si unirono alla ricerca organizzata, ma volevano coprire un’aria più vasta, quindi si allontanarono dal resto della gente. Dopo un po’ videro un’auto sospetta con i vetri oscurati e cominciarono a seguirla, quando videro che la macchina si fermava e cambiava strada quando compariva un’auto della polizia, si resero conto di aver trovato un indizio importante e non persero di vista il veicolo. Diverse volte hanno visto come l’auto cercava di evitare i posti di blocco della polizia. Alla fine raggiunsero la macchina e riuscirono a vedere la bambina terrorizzata dentro. Poi Temar ha detto qualcosa che ha fatto fermare il rapitore per lasciar andare la bambina impaurita, ha detto le parole magiche: TI VEDO.

Con l’aiuto immediato di Temar, Jocelyn è scesa dalla macchina e disse: “Voglio andare con la mamma”.

Grazie a Chris e Temar che sono stati così attenti, sono anche riusciti a lasciare una descrizione dettagliata del rapitore così che la polizia potesse arrestare l’uomo il giorno successivo.

Si può solo immaginare quanto sia grata la famiglia di Jocelyn, se non fosse per Chris e Temar, forse non avrebbero più visto la bambina viva.