Pesanti parole da parte di alcuni movimenti animalisti

Home > Notizie > Pesanti parole da parte di alcuni movimenti animalisti

E’ una triste notizia che ormai si legge in ogni parte del web e si vede su ogni canale televisivo. Stiamo parlando della morte del noto conduttore televisivo italiano Fabrizio Frizzi. Ci ha lasciato all’età di sessant’anni, lo scorso 26 marzo. I funerali si sono svolti a Piazza del Popolo, a Roma. Migliaia di persone si sono recate a salutarlo, familiari, colleghi del mondo televisivo e anche moltissimi fan.

Ma oltre a dolci parole, che lo hanno accompagnato lungo il suo viaggio dopo la vita, c’è stato anche chi lo ha insultato. Molte persone, definite animalisti-antispecisti, hanno criticato Fabrizio per aver collaborato negli anni, offrendosi come testimonial, con la Telethon. Quest’ultima è una grande organizzazione benefica, che lotta da anni, per scoprire la cura delle rare malattie genetiche e dare speranza al mondo. Abbiamo sentito spesso di bambini morti, perché non esisteva cura alla loro malattia. Ma sembrerebbe che queste cure, vengano testate prima sugli animali.

Quindi Fabrizio, ai loro occhi, è una persona orribile, poiché ha collaborato con loro, contribuendo alla sofferenza degli animali, tenuti costretti all’interno dei laboratori. Dal giorno della sua morte, sui vari profili social, si sono lette centinaia di cattiverie. C’è chi dice che sia stato lo stesso karma a punirlo con la morte, poiché prima o poi, ognuno ha ciò che merita. C’è chi lo ha definito amico dei “vivisezionisti”. C’è chi ha riso sul fatto che i suoi amici della Telethon non abbiano avuto una cura per il suo male.

 

E infine, c’è chi lo ha soltanto ringraziato per aver partecipato alla sofferenza degli amici animali.

Mentre, a loro volta, i ricercatori della Telethon, hanno salutato Fabrizio e lo hanno ringraziato per tutti gli anni in cui li ha sostenuti e in cui li ha aiutati, con la sua umiltà, a ridare speranza a tantissime famiglie.

Il direttore generale della fondazione Francesca Pasinelli, lo ha salutato personalmente, ringraziandolo per tutti i suoi anni di pura generosità.

E ha concluso dicendogli che rimarrà per sempre al loro fianco e continuerà ad essere fonte di ispirazione.