Ha una tosse così forte che sputa un pezzo di polmone

Shock in un ospedale della California. La vittima è un uomo di 36 anni.

Home > Notizie > Ha una tosse così forte che sputa un pezzo di polmone

Shock in un ospedale della California, negli Stati Uniti d’America. Un uomo di 36 anni è deceduto una settimana dopo avere letteralmente tossito un pezzo di polmone.

Ha una tosse così forte che sputa un pezzo di polmone

L’episodio raro e drammatico è avvenuto al San Francisco Medical Center. L’uomo si era recato al Pronto Soccorso perché lamentava problemi al cuore e, durante il ricovero, ha tossito così forte che ha sputato un albero bronchiale, cioé una ramicazione dei bronchi polmonari.

Ha una tosse così forte che sputa un pezzo di polmone

Il 36enne, dopo aver lamentato problemi cardiaci, era stato sottoposto a un trattamento a base di farmaci ma, dopo una settimana, aveva sviluppato una tosse violenta. I medici hanno provato a salvarlo ma le sue condizioni erano gravi e lo statunitense è spirato pochi giorni dopo.

Ha una tosse così forte che sputa un pezzo di polmone

Il caso è stato riportato sul New England Journal of Medicine con tanto di foto. Secondo i medici, il paziente era affetto da una rara carenza di frazione di eiezione (EF). In cardiologia, la misura della EF serve a valutare l’efficacia di pompa del cuore e la frazione di eiezione è la porzione di sangue che il cuore pompa dal ventricolo sinistro a ogni battito cardiaco rispetto al volume telediastolico (il volume presente all’interno del ventricolo al termine della diastole). Nel paziente, in pratica, è stato riscontrato un valore EF al 50% in meno rispetto allo standard.

L’uomo, inoltre, aveva avuto anche secrezioni e muco. Gli esperti hanno sottolineato che un essere umano non può espellere il polmone per intero per via delle sue dimensioni ma una tosse forte può causare delle lacerazioni e, perciò, l’espulsioni di parti dell’organo.

Si tratta di un evento raro ma non insolito. Era già accaduto nel gennaio del 2012 a una donna di 40 anni, ricoverata a Birmingham, in Alabama, sempre negli Stati Uniti d’America.