I medici iniziano il cesario, non credono ai loro occhi

Avere figli è una delle più importanti decisioni della vita. E diventare mamma o papà è un grande cambiamento. Tutte le persone che saranno genitori vogliono che i loro figli nascano sani, ma a volte il destino ha altri piani.  Quando Nick Schnarr e sua moglie Brooklyn stavano aspettando il loro terzo figlio, ricevettero notizie orribili.



COMPRA QUI PETFOUNTAIN!

Il loro piccolo figlio era molto malato e non sarebbe sopravvissuto. Papà Nick racconta tutto ciò che la famiglia ha dovuto vivere: “Negli ultimi nove mesi mia moglie Brooklyn è rimasta incinta di un bambino molto malato. Tre o quattro mesi fa abbiamo appreso che nostro figlio aveva un grave idrocefalo. Nostro figlio aveva troppa acqua nel suo cervello. Ci hanno indirizzato all’ospedale dei bambini di Cincinnati, dove alcuni dei migliori specialisti ci hanno detto che la situazione era molto seria “. La situazione era così critica che i medici chiesero ai genitori di prepararsi al peggio. Probabilmente Nick e Brooklyn avrebbero dovuto salutare troppo presto il loro amato figlio. Le nuove foto dei raggi X erano ancora più chiare. Secondo i medici specialisti, il bambino aveva il 90% di rischio di morire dopo il parto. Con un po’ di fortuna il piccolo poteva sopravvivere, ma poi la sua malattia al cervello sarebbe stata così grave che avrebbe avuto bisogno di cure intensive per il resto della sua breve vita. “Abbiamo avuto informazioni sulle cure palliative. Abbiamo avuto discussioni dettagliate e orribili su questo. Abbiamo parlato di quando dovevamo prendere la decisione di lasciarlo morire “, scrive Nick.

Presto Brooklyn si trasferì a Cincinnati e visse in un albergo vicino all’ospedale, così i medici potevano stare vicini a lei e al bambino. “Ho dovuto viaggiare molto, allo stesso tempo ho cercato di lavorare e prendermi cura delle nostre due figlie, Sophie e Lily,” dice Nick.

L’8 luglio arrivò il momento, portarono Brooklyn all’ospedale e 15 minuti prima del cesareo, i medici parlarono con la coppia un’ultima volta. “Ho avuto una discussione su quanto tempo avremmo usato l’ossigeno per mantenere vivo il bambino. Abbiamo parlato di quando avremmo deciso di lasciarlo andare in paradiso “, scrive Nick.

Fu in quel momento che accadde il miracolo. Perché quando il bambino è uscito la stanza si è riempita di un suono: il suono di un bambino che piangeva rumorosamente.  “È stato il rumore più bello che abbia mai sentito”, dice Nick. Dopo un po ‘di tempo in terapia intensiva, il bambino, che si chiamava Charlie, fu in grado di tornare a casa con il resto della famiglia.

Charlie stava bene ed era come qualsiasi altro bambino. L’unica cosa che aveva Charlie era un problema al cuore che i dottori hanno risolto abbastanza velocemente. Bene, come è potuto succedere? Il fatto è che i dottori non sono riusciti a trovare alcuna spiegazione scientifica del perché Charlie fosse migliorato.

“In qualche modo il suo cervello ha trovato un modo naturale per recuperare e reindirizzare il fluido che era il problema. Durante la scorsa settimana ho sentito la parola “miracolo” più volte di quanto non sia in grado di contare. Infermieri con anni di esperienza e medici … tutti erano scioccati, allo stesso tempo erano felici “, scrive Nick.

Questo ci aiuta a ricordare che non dobbiamo mai perdere la speranza: le cose possono sempre migliorare.