La storia di Danielle

Bernie e Diane Lierow hanno cinque figli e hanno sempre sognato di avere una grande famiglia. Quando i loro figli sono diventati più grandi e sono usciti di casa, si sono resi conto di avere ancora molto amore da dare. E hanno iniziato a parlare di adozione questa volta. Non ci è voluto molto tempo per prendere una decisione.


Hanno contattato un’organizzazione di gestione delle adozioni in cui le potenziali famiglie adottive incontrano bambini che non hanno genitori. Diane ha incontrato molti di quei bambini, ma non è riuscita a liberarsi della foto in bianco e nero di una ragazza che non c’era, e voleva saperne di più su di lei. “Sentivo di essere attratta da qualcosa su di lei, c’era qualcosa sul suo viso e sulla sua espressione”, dice Diane. La coppia ha chiesto della bambina, ma l’agenzia di adozione li ha avvertiti dando loro l’unica risposta: “Vi assicuro che non vorrete questa bimba”, ricorda il padre, Bernie. Ma la coppia non si è arresa e voleva saperne di più. Danielle Crockett era conosciuta da molti come “la bambina alla finestra”. Nel 2005, la polizia ha ricevuto una chiamata da un vicino spaventato. Il vicino disse che qualcosa di strano e terribile era successo nella casa accanto: sapeva che in quella casa viveva una donna con la sua compagna e i suoi due figli, ma non aveva mai visto alcun segno di una ragazzina. Ma un giorno vide una piccola faccia che sporgeva da una finestra.

L’investigatore Mark Holste e il suo compagno andarono sul posto. Quello che c’era lì non lo avrebbero mai dimenticato. Dopo aver rotto una finestra e aver guardato dentro, si voltarono e vomitarono. I poliziotti piansero amaramente quando videro cosa era successo. Tutta la casa era piena di feci e vomito. Una donna apparve e chiese perché erano lì. I suoi due figli erano seduti lì, sporchi, nel soggiorno. Holste entrò e vide che c’era anche una ragazzina. Sul retro della casa, in una stanza grande come un armadio, su un sudicio materasso, su una montagna di pannolini, c’era la bambina disorientata.

Anni di abbandono e condizioni di vita terribili hanno colpito la ragazzina, che si è rivelata avere 6 anni.  Danielle non poteva parlare o mangiare. Era infettata da pidocchi e pulci.  “La madre ha detto: faccio quello che posso”, dice Holste al Tampa Bay Times. “Ho urlato: il meglio che puoi non vale niente”, dice Holste.

La bambina non ha mai imparato a parlare, a relazionarsi e ha sofferto la fame. Ha attacchi di ira, un rapporto dannoso con il cibo e un ritardo mentale che difficilmente riuscirà a recuperare. La famiglia ha deciso che Danielle deve far parte della loro vita ugualmente. Con il loro amore e le loro attenzioni, la ragazzina ha fatto tanti passi avanti, anche se probabilmente avrà sempre bisogno di essere seguita.

La coppia la ama come se fosse la loro figlia biologica e hanno molte speranze per lei. E’ bellissimo vedere come ancora ci sia gente in grado di offrire amore incondizionato verso chi ne ha più bisogno, anche quando non è facile farlo.