Le tolgono suo figlio perché lei è disabile

Vogliamo tutti che i nostri figli nascano sani. E si è in grado di andare sulla luna e tornare per un figlio, se necessario. Ma in alcuni luoghi si pensa che i genitori con disabilità non possano prendersi cura dei propri figli. Questo è il caso di Anna, in Bielorussia. Anna è nata senza mani ed è stata lasciata in un orfanotrofio non appena è nata.


Durante la sua infanzia, Anna è cresciuta con la sensazione che i suoi genitori non l’amassero. Sognava che un giorno i suoi genitori sarebbero tornati per lei, ma questo non accadde mai. Alla fine si rese conto che se voleva essere felice, doveva farlo per se stessa, non poteva aspettarsi nulla da nessuno. Anna ha iniziato a fare tutto il possibile per diventare indipendente giorno per giorno.  Cose che potevano essere semplici per chiunque, per lei erano molto più complicate perché non aveva le mani. Ma ha ancora imparato ad usare il computer, ha iniziato a dipingere, ad essere indipendente e ad avere la propria casa. Il tempo passò e venne il giorno in cui incontrò un uomo, Anatoli, che era anche lui cresciuto con disabilità. Erano molto felici insieme e decisero di sposarsi nel 2008. Un giorno Anna scoprì di essere incinta. La coppia era molto felice, ma la fortuna non sarebbe durata a lungo. Quando andarono alla prima visita dal dottore, lui le disse che la cosa migliore sarebbe stato abortire. Ma Anna e Anatoli avevano chiarito che, nonostante fossero entrambi disabili, sapevano che non era ereditario.

Durante la gravidanza, i medici hanno cercato di convincerli a non portarla a termine. Nel 2015 è nato il bambino di Anna, un bambino sano che hanno chiamato Kostia. I genitori erano molto contenti dell’arrivo del bambino, ma quando furono pronti a lasciare l’ospedale arrivò il successivo colpo.

I dottori dissero che non potevano portare a casa il loro bambino. Anna sentì il mondo crollargli addosso. I medici e il personale dei servizi sociali hanno detto che i genitori non potevano prendersi cura del bambino, a causa delle loro disabilità, e che il bambino sarebbe potuto morire se lo avessero portato a casa con loro. Dissero che volevano dare a Kostia una “vita normale”, e che Anna non poteva prendere suo figlio tra le braccia che gli sarebbe potuto cadere per terra o avrebbe potuto affogarlo accidentalmente. Anna, che aveva sempre aiutato gli altri bambini nell’orfanotrofio dove lei stessa era cresciuta, sapeva che poteva prendersi cura di un bambino.

 

Ma all’ospedale non pensavano che i genitori sarebbero stati in grado nemmeno di cambiare i pannolini.  Anna e Anatoli non si arresero e contattarono media e politici. Poi un canale televisivo locale ha fatto un reportage su di loro che ha ricevuto grande attenzione. Sebbene la coppia abbia superato tutti i tipi di test, le autorità non pensavano ancora che potessero prendersi cura del loro figlio. Ma c’erano anche molte persone che sostenevano la loro causa e, a causa della grande pressione dei media, Anna e Anatoli poterono finalmente portare a casa il loro figlio.