Michael salva a vita ai suoi fratellini malati di cancro

Robin Pownall e il suo compagno avevano due figli, Michael di quattro anni e il maggiore Dominick, di nove. La coppia era rimasta scioccata alla scoperta di aspettare di nuovo, ma non un bambino, bensì due gemelli. Purtroppo però, i più piccoli sono nati prematuramente a trentatre settimane..



ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Per questo, Santino e Giovanni sono dovuti rimanere per diverse settimane in terapia intensiva neonatale. Quando i bambini avevano solamente cinque settimane, i medici hanno scoperto che soffrivano di una rara malattia chiamata Granulomatosa Cronica, cioè un disturbo immunitario che rende difficile combattere qualsiasi infezione. Dominick, il fratello maggiore, quando era molto piccolo, ha avuto anche lui questa malattia, infatti l’unica soluzione per guarire, è stata un trapianto di cellule staminali. Per Giovanni e Santino, il donatore perfetto era proprio Michael. Così, quando la mamma e il padre sono andati a chiedergli se voleva farlo, ha accettato senza pensarci, anche se l’avevano avvisato che l’avrebbero ferito con un grosso ago e che avrebbe provato tanto dolore. Ma tutto questo, non ha avuto alcun problema per Michael, anzi era molto felice di farlo. Robin racconta: “All’inizio era spaventato come chiunque altro, ma il suo coraggio è molto più grande dei suoi quattro anni. Michael è molto orgoglioso di poter salvare la vita ai suoi due fratellini gemelli. Lascia il braccio all’infermiera per far prendere il suo sangue. Lui sa cosa sta per fare. E’ davvero d’ispirazione. Mi da forza solo a guardare come è forte lui. Sono così spaventata e nervosa per quello che devono affrontare i miei tre figli, ma quando guardo nei loro occhi vedo solo forza e voglia di vivere!” Guardate che racconta Michael il supereroe senza mantello, di seguito:

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

I piccoli sono attualmente sottoposti a chemioterapia, in attesa del trapianto, che deve essere fatto tra pochi giorni!

Michael è davvero meraviglioso, perché nonostante tutto quello che deve soffrire è così, orgoglioso di poter salvare la vita dei suoi fratellini.

Condividete con i vostri amici questa storia di forza, coraggio e di un eroe di soli quattro anni!