Offriamo la nostra mano con amore e accettazione

Molte persone odiano volare! Pur sapendo che il rischio di avere un incidente è minimo, continuano a pensare che qualcosa di terribile possa accadere lassù nell’aria. E certamente non è divertente essere seduti in posti stretti circondati da estranei. Per questo per un bambino con l’autismo la situazione divenne insostenibile.

Risultati immagini per volo in aereo


Il volo per Israele fece un ritardo di 3 ore, e ci fu un momento in cui il bambino non ne poteva più e crollò. Ha iniziato a piangere istericamente per 15 minuti di fila e i passeggeri cominciavano chiaramente ad irritarsi. Ma uno sconosciuto sapeva esattamente di cosa aveva bisogno il bambino. Allungò la mano e fece ciò che nessun altro aveva osato fare. Il nome della donna è Rochel Groner. Lei e suo marito Bentzion avevano sentito piangere il bambino. Entrambi lavorano per aiutare le persone con bisogni speciali e sanno come trattare i bambini con autismo. Rochel prese la mano del bambino e andò a sedersi con lui in un angolo sul pavimento. Lì lo cullò e lo confortò finché il ragazzo non si calmò. Poi Rochel si mise a giocare con lui e gli rimase accanto per diverse ore. Gli altri passeggeri rimasero sorpresi dalla facilità con cui il bambino si era fidato di lei. Il marito ha scattato diverse foto che ha successivamente pubblicato sulla sua pagina di Facebook . Ha raccontato cosa è successo sull’aereo e ha spiegato che sia lei che lui lavorano per aiutare le persone con bisogni speciali.

“Amicizia Circle , ZABS Luogo e Chabad ci insegnano che se noi offriamo la nostra mano con amore e accettazione, i miracoli possono accadere ” ha scritto Bentzion nella pubblicazione.

Che storia meravigliosa! Che fortuna che sull’aereo ci fosse almeno una persona che capiva perfettamente di cosa il bambino aveva bisogno, che sapeva come estendere una mano al bambino nonostante fosse un estraneo. Abbiamo bisogno di più persone come Rochell. Condividi questa storia con i tuoi amici e ricorda loro l’importanza di mostrare comprensione con le persone con disabilità.