Pensava di aver sposato un uomo perfetto.

Questo gruppo di sei persone è un gruppo che non può vivere se non è completo. Le cose nella loro vita non sono state facili, tuttavia il concetto di “famiglia” ha un significato molto speciale per loro. Raachel Moore è una madre single che ha chiuso una relazione opprimente e ha promesso ai suoi figli che non sarebbe mai più accaduto. I loro figli sono: Jayden di 14 anni, Cameron di 12, Kaylee di 10, Zane di 4 e infine la piccola Samantha di 2 anni.

Certo, la madre ha mantenuto la sua promessa. Rachael è stata molto attenta a frequentare Daryl, il suo nuovo partner. Tuttavia, lui ha fatto tutto il possibile per guadagnarsi il loro rispetto e la loro fiducia. Per 7 anni Daryl è stato incredibilmente gentile e premuroso con la sua famiglia. Era una persona delicata e guardava con occhi sognanti verso il futuro con loro. Rachael ha avuto tre figli dalla precedente relazione e sono arrivati a chiamare Daryl “papà”. 7 anni non è un breve periodo di tempo, è possibile abituarsi al bene. Daryl pensò alla sua famiglia e cercò di fare tutto ciò che era meglio per loro. Secondo i Moores, era un buon padre. Fino a quel giorno doloroso, dopo 7 anni di convivenza, Daryl ha agredito Rachael inaspettatamente. La situazione era spaventosa e, come una vecchia vittima di violenza domestica, sapeva che doveva rimanere fedele alla promessa che aveva fatto ai suoi figli. Rachael e Daryl si separarono e concordarono che Rachael si sarebbe presa cura dei bambini.Tutto sembrava tornare alla relativa normalità. E’ stato un colpo molto forte perdere qualcuno vicino dopo così tanti anni insieme, ma la paura era troppo grande per permettere che la violenza dominasse la loro vite. Un doloroso pomeriggio, Daryl si presentò alla porta di casa di Rachael e ai suoi bambini, era ubriaco. Sembrava completamente fuori controllo e Rachael sapeva che questa visita poteva essere peggiore del suo precedente attacco. Tuttavia, non si è mai aspettata quello che sarebbe successo.

“Mai nella mia vita ho sospettato che avesse un’arma”, ammette Rachael. Daryl ha invaso la casa della donna e dei suoi bambini con un fucile da caccia. Prima, sentendo lo squittio delle ruote, Rachael si sentiva a disagio e prese i suoi due bambini e li nascose nella stanza. Quando è entrato Daryl, non ho esitato nemmeno per un momento. Ha puntato il fucile contro Rachael e ha premuto il grilletto, ferendola sulla spalla di fronte agli altri suoi figli. La donna ha iniziato a perdere molto sangue e alla fine rimase incosciente.

Guardando la scena con estremo terrore, Cameron, 12 anni, sapeva che la follia non sarebbe finita lì. “Mi ha guardato come uno psicopatico. Non sembrava più lui, i suoi occhi erano neri “, ricorda il figlio.

Ciò che ha salvato la vita a tutti è che i bambini frequentarono lezioni di arti marziali con coreografie di combattimento e abilità per disarmare un aggressore. Non hanno mai pensato che avrebbero avuto bisogno di quelle abilità per proteggere le loro vite. Grazie a questa preparazione, i bambini sono riusciti a rispondere all’invasione di Daryl.

Dopo aver perso l’arma, Daryl ha provato ad aggredire ancora una volta Rachael, si era seduto su di lei e cercava di soffocarla. Cercò anche di ferire i suoi occhi, ma fu allora che Jayden, il figlio maggiore, si unì al combattimento.

Jayden ha iniziato a colpire Daryl per toglierlo da sua madre e in seguito Cameron lo ha colpito con un furioso colpo al petto.

Kaylee poi ha trovato una forza in lei che non pensava di avere. Questa bambina di dieci anni ha portato fuori di casa sua madre e ha chiamato la polizia che è arrivata rapidamente e ha fermato Daryl, mentre l’ambulanza andava con Rachael all’ospedale. Durante le successive settimane, i bambini non poterono vedere la madre mentre si stava riprendendo dalle ferite. Fortunatamente, anche se le condizioni di Rachael sembravano molto serie, con il passare del tempo è riuscita a guarire da tutte le ferite.

Tuttavia, ci saranno ferite da cui né lei né tutti i suoi figli potranno mai guarire. Sono le ferite che sono state inflitte nelle loro anime, da qualcuno che chiamavano con amore “papà”.