Perde la vita dopo aver baciato il suo ragazzo

Nell’ottobre del 2012,il destino ha giocato un brutto scherzo alla famiglia Ducré dal Canada. Alle 12 di sera, la madre, Michelina, ricevette una chiamata. Le fu detto che sua figlia stava morendo. Myriam Ducré-Lemay, 20 anni, era stata portata all’ospedale urgentemente dopo un grave malore, degenerato rapidamente. Non sapevano se sarebbe sopravvissuta.


Micheline è rimasta devastata nel sentire che probabilmente erano le ultime ore di vita della figlia in quella terribile notte di cinque anni fa. Spera che questo tragico destino toccato alla sua famiglia non accada di nuovo così che le altre famiglie non debbano passare attraverso lo stesso incubo. La vita di questa donna è esplosa in mille pezzi quando sua figlia Myriam è morta tragicamente, cinque anni fa. Dopo cinque anni da questo terribile giorno, e con il dolore che questo implica, Micheline vuole raccontare la storia di sua figlia per evitare che altri abbiano lo stesso destino. Myriam era una donna bellissima e piena di vita. Trovò un ragazzo che la rendeva felice e disse a sua madre che era innamorata. Erano a casa sua quella notte. Erano affamati e hanno deciso di mangiare qualcosa prima di andare a letto. Prima di dormire si sono baciati più volte, erano felici e innamorati. Ma Myriam non riusciva a dormire. Ha iniziato a sentirsi male e ad avere difficoltà a respirare. Prese il suo inalatore per l’asma e cercò di respirare, ma non fu di grande aiuto. La pressione nel petto era in costante aumento. Myriam chiese al suo fidanzato se avesse mangiato qualcosa che conteneva noccioline e disse che aveva mangiato un panino con burro d’arachidi.

 

Lei gli ha chiesto di chiamare urgentemente un’ambulanza, ma nonostante sia arrivata in otto minuti, Myriam aveva già perso conoscenza. Sua madre spiega a Telegrah che, sfortunatamente, Myriam non aveva detto al suo ragazzo che era allergica alle noccioline. Nessuno poteva salvarla. Il suo cervello aveva perso molto ossigeno per un lungo periodo di tempo e sfortunatamente era morta. Sono passati diversi anni da questa tragedia. Micheline, sua madre, ha superato la parte più dolorosa del lutto e ora è uscita allo scoperto per raccontare la storia di sua figlia. Non vuole che altri debbano passare attraverso lo stesso incubo.

 

 

Pensa che due cose avrebbero salvato sua figlia quella notte: un importante simbolo di allerta, come un bracciale o un braccialetto medico che avvertiva che la ragazza era allergica. E la sua iniezione di adrenalina. Se Myriam avesse avuto il braccialetto, il ragazzo avrebbe saputo immediatamente cosa fare. Tuttavia, la loro relazione era troppo recente perché lui potesse conoscere la forte allergia della sua ragazza.

Risultati immagini per Myriam Ducré-Lemay,

La dottoressa Christine McCusker sottolinea quanto sia importante informare i nostri partner delle nostre allergie e malattie in modo che, in caso di qualsiasi incidente, possano reagire prontamente.

“La sua dipartita, veloce e tragica, non è stata vana. È assolutamente necessario che l’informazione e la piena consapevolezza dell’uso dei braccialetti circolino continuamente per salvare vite umane “scrive la madre su Facebook

Lei incoraggia tutti coloro che hanno allergie o malattie pericolose a indossare un braccialetto con queste caratteristiche. Non vergognatevi di parlarne. Quella sensazione di vergogna intorno al braccialetto e alla malattia deve essere eliminata.

“Diffondi questo per salvare più vite”, scrive la madre. “Informa gli altri e sarai più protetta”