Questa ragazza credeva di essere incinta ma nel suo grembo c’era altro

Non era una gravidanza ma una malattia terribile.

Home > Notizie > Questa ragazza credeva di essere incinta ma nel suo grembo c’era altro

Una ragazza di nome Lauren Knowles, originaria della Scozia, era al settimo cielo quando ha scoperto di essere rimasta di nuovo incinta. Il suo primogenito, Charlie, avrebbe avuto un fratellino o una sorella. Tuttavia, giunta alla settima settimana, Lauren ha fatto una scoperta tragica: non aspettava un bambino ma aveva in sé una malattia terribile e pericolosa per la vita.

Questa ragazza credeva di essere incinta ma nel suo grembo c'era altro

Ciò che è accaduto è che l’ovulo fecondato era difettoso e una scansione aveva mostrato che Loren stava avendo una gravidanza molare, anche nota come mola idatiforme (una forma anomala di gravidanza in cui un ovulo fecondato non vitale si impianta nell’utero e comporta l’instaurarsi di una gravidanza anormale). Invece di un feto, quindi, dentro Lauren c’era un tumore canceroso.

Questa ragazza credeva di essere incinta ma nel suo grembo c'era altro

Nonostante abbia subito un intervento di emergenza e un ciclo di chemioterapia, le cellule tumorali hanno continuato a crescere a un ritmo allarmante. Dopo una lunga lotta, il corpo della ragazza ha respinto la ‘presenza’ maligna e, quando è andata in bagno, ha espulso il tumore.

“Nel bagno dell’ospedale, quella notte, ho fatto ‘nascere’ quel tumore che, negli ultimi cinque mesi, aveva scelto come casa il mio ventre”, ha raccontato la donna.

Questa ragazza credeva di essere incinta ma nel suo grembo c'era altro

Oggi la ragazza britannica sta bene e un anno dopo quel dramma è rimasta incinta sul serio. Non ci sono state sorprese e Lauren ha dato alla luce una bambina sana e bella a cui ha dato il nome di Indi.

“Voglio dare alle persone la speranza che anche negli scenari peggiori ciò che sembra impossibile è ancora possibile, aumentando al contempo la consapevolezza sulle gravidanze molari”, ha detto la madre di due bambini. Che sollievo… ogni tanto una storia a lieto fine…