Stop al geoblocking, al via l’e-commerce libero nell’Unione Europea

Entra in vigore il regolamento UE sul commercio online. Ecco cosa cambia.

Home > Notizie > Stop al geoblocking, al via l’e-commerce libero nell’Unione Europea

Da oggi, lunedì 3 dicembre, cambia in maniera sostanziale l’esperienza di acquisti online dei cittadini europei. In tutti i Paesi dell’UE diventa, infatti, applicabile un nuovo regolamento che vieta il geoblocking ingiustificato.

Stop al geoblocking, al via l'e-commerce libero nell'Unione Europea

Sarà possibile, quindi, fare acquisti on line in tutti i Paesi dell’Unione Europea, senza essere più indebitamente bloccati perché non si risiede nello Stato del venditore o perché si effettua il pagamento con una carta bancaria straniera. Nello specifico, a molti sarà capitato di cercare di visitare il sito francese o britannico di un portale di shopping online o di un produttore e di essere continuamente rimandati a quello italiano. Oppure di provare a fare un ordine e dover rinunciare perché non è prevista la consegna là dove abitate.  Ebbene, tutte queste limitazioni agli acquisti online da un Paese all’altro si definiscono geoblocking, dei blocchi spesso usati per sfruttare il maggiore potere d’acquisto di un Paese rispetto all’altro.

Stop al geoblocking, al via l'e-commerce libero nell'Unione Europea

Da oggi, quindi, queste pratiche saranno vietate dal regolamento UE 302/2018 quando non siano motivate da effettivi maggiori costi o difficoltà logistiche. Un tedesco potrà insomma comprare un prodotto super scontato sull’Amazon francese. Un italiano dovrà poter accedere a offerte che finora erano riservate ai clienti danesi.

Stop al geoblocking, al via l'e-commerce libero nell'Unione Europea

“Il geoblocking – evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti – ha un impatto importante sugli acquisti online nell’UE. Finora, il 63% dei portali visibili nell’Unione prevedeva limitazioni che in un modo o nell’altro dissuadevano l’utente dall’acquistare in un Paese diverso dal proprio. Il risultato: solo il 19% dei consumatori europei fa shopping online sui siti di un altro Paese membro”.

“Ora, il 3 dicembre mettiamo fine a questa pratica. Vogliamo un’Europa senza barriere, e questo vuol dire anche eliminare gli ostacoli agli acquisti online, sulla falsa riga di quanto già fatto mettendo fine ai sovraccosti del roaming a giugno 2017”, ha spiegato il vicepresidente della Commissione Ue per il mercato unico digitale Andrus Ansip.