Chi era il papà omicida-suicida che si è disfatto di sua moglie e sua figlia e perché l’ha fatto?

Ore 19:00 Chieti ultim’ora: Sono ore concitate l’uomo è ancora appeso al guardrail del ponte mentre un mediatore cerca di convincerlo a desistere a lanciarsi nel vuoto. è stato trovato anche il corpo della moglie che si è lanciata o è stata lanciata dal quarto piano della palazzina dove abitava.


Soccorsa dal 118 la donna è morta in ospedale senza riprendere mai conoscenza, lasciando nel mistero la causa della sua morte. Al momento non si conoscono ancora le condizioni della bambina per cui non si sa ancora se la piccola sia viva o meno, anche se l’osservazione a distanza non evidenzia movimenti. Tuttavia, la piccola ha fatto un volo di circa 40 metri per cui più passano i minuti più diminuiscono le speranze di trovarla sana e salva. L’elicottero del 118 di Pescara non è riuscito ad atterrare per non interferire con i soccorritori che stanno cercando invano di far scendere l’uomo dal guardrail dell’autostrada.

Dopo quasi 4 ore di trattative sono giunti sul luogo anche i familiari dell’uomo che cercano di fargli cambiare idea.

Secondo quanto riferisce il giornale “Il Centro” alla base di tutto ci sarebbe la separazione dell’uomo con la moglie.

Secondo i primi accertamenti, la donna sarebbe proprio la coniuge dell’uomo che ora minaccia di buttarsi dal viadotto, oltre che madre della 12enne, ma non è chiaro se i due episodi siano in qualche modo collegati.

Ore 20:20 AGGIORNAMENTO
L’uomo infine si è lanciato nel vuoto gridando “PERDONO”. Ma perdono di cosa?
La bambina a quanto pare è morta sul colpo. Ancora non sono chiare le dinamiche sulla morte della moglie che è deceduta questa mattina in ospedale dopo essere caduta/buttata/lanciata dal quarto piano della sua abitazione. L’uomo si chiamava Fausto Filippone aveva 49 anni e chi lo conosce lo descrive come una bravissima persona, dirigente di una ditta di abbigliamento e laureato in economia aziendale. Fausto e Marina, questo il nome della sua compagna, stavano insieme da ben 10 anni. Tutti i sospetti fanno pensare che l’uomo abbia fatto precipitare la donna dal quarto piano, poi la bambina e infine si è suicidato. Diverse voci confermerebbero anche che la dodicenne non fosse sua figlia biologica, ma tutto è ancora da verificare. Le indagini sono in corso e rimaniamo in attesa di ulteriori svolgimenti. PER ORA LE MOTIVAZIONI DEL SUO FOLLE GESTO SONO IGNOTE.