Umiliati a scuola

Justin e Hailee avevano preso il loro piatto di cibo nella sala da pranzo della scuola, ma quando si sono seduti a mangiare sono stati costretti a restituire i vassoi. Il motivo, la loro madre non aveva pagato una bolletta della mensa. A quanto pare un insegnante ha notato questa “mancanza” e ha deciso di agire, davanti a tutta la scuola.


Invece di dare lo stesso piatto di cibo che avevano tutti gli altri bambini, è stato dato loro un sandwich secco al formaggio. Internet è esploso in commenti accusatori per quello che è successo a questi bambini. Un errore contabile di 12,49 dollari USA (circa 10 euro). Questo è ciò che ha portato i figli di Lisa a essere privati del loro solito vassoio di cibo. E invece di quel pranzo, è stato dato loro quello che Lisa chiama “cibo della prigione”. Il panino al formaggio che avevano dato ai bambini non era solo arido e insapore, ma il gesto era stato fatto davanti agli altri bambini che da quel giorno hanno cominciato a prendere in giro i figli di Lisa. La scuola non aveva nemmeno informato la madre del conto non pagato e decisero di agire da soli direttamente. E questo senza pensare a cosa potrebbe significare per un bambino, una tale umiliazione pubblica. Secondo la scuola, hanno agito secondo le regole e non ci vedevano nulla di sbagliato in esso. Come si può fare qualcosa del genere a dei bambini. Soprattutto quando si tratta di una fattura non pagata di una piccola somma.


Quando accadono queste cose viene automatico domandarsi dove sia finita l’empatia e l’umanità della gente.

Alla fine si trattava solo di buon senso. E pensare che degli adulti del genere abbiano la responsabilità dei nostri figli, non è per niente confortante. Condividi se sei d’accordo che il gesto fatto a questi bambini è stato davvero meschino.