Un incubo senza fine

Ryu Gónzalez, 4 anni, amava passare il tempo con sua nonna. Sarebbero stati insieme per un giorno intero durante il fine settimana – sarebbero andati a fare shopping e si sarebbero divertiti. Dopo una passeggiata nella città americana di Mankato, nel Minnesota, decisero di fermarsi un attimo in un negozio di abbigliamento. L’incubo ebbe inizio.

Nel negozio, la nonna ha deciso di provare alcuni pantaloni. Mentre era nel camerino, Ryu aspettava fuori – ma si annoiava e andò al camerino affianco. Lui e sua nonna hanno iniziato a parlare attraverso il muro e tutto sembrava normale e senza problemi. Ciò che la nonna non sapeva era che il piccolo era in piedi su uno sgabello che giocava con le grucce. Quando fu pronta nello spogliatoio, disse a Ryu di uscire, che era ora di andare via. Non ebbe risposta e poi guardò sotto la porta della cabina e non vedendo i piedi del bambino pensò che fosse in giro per il negozio. La nonna iniziò ad innervosirsi. E senza sapere che il bambino in quel preciso momento, stava combattendo per la sua vita, cominciò a cercarlo in tutto il negozio. Il bambino era scomparso. 20 minuti dopo la nonna ha deciso di tornare nel camerino e guardare di nuovo – ed è qui che ha trovato l’immagine più terribile che potesse vedere. Little Ryu era morto nello spogliatoio. Sfortunatamente con il cappuccio della giacca era rimasto agganciato ad uno dei ganci per appendere i vestiti nella cabina e questo lo ha fatto soffocare.

ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!



ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Nonostante gli intensi tentativi di rianimarlo, il ragazzo non riuscì più a respirare. Fu immediatamente trasferito all’ospedale, dove i medici certificarono la sua morte.

La polizia dichiarò che si trattava di un tragico incidente e lasciò la famiglia in un profondo trambusto.

La nonna si è incolpata della tragedia, ma la madre del bambino ha capito che si trattava di un incidente che poteva capitare a chiunque in qualsiasi momento.

“Gli incidenti accadono. Non è colpa di nessuno. Ryu ha giocato, si stava divertendo, era solo un bambino “, dice la madre alla Inside Edition. Che modo tragico e terribile di terminare una vita quando è appena cominciata.

Condividi per mettere in guardia genitori e parenti stretti che i pericoli sono lì dove non puoi nemmeno immaginarli. E che non dovresti mai lasciare un bambino senza sorveglianza, neanche per un secondo!