Lo amo o non lo amo

"Lo amo o non lo amo?" Un giorno pensi che chiudere la relazione è la migliore decisione possibile e l'altro, hai la sensazione che valga la pena combattere. Ecco le 3 domande obbligatorie da porsi prima di lasciare il proprio partner

La tua confusione mentale è monumentale. Un giorno hai quell’intuizione che ti dice che chiudere la relazione è la migliore decisione possibile e l’altro, improvvisamente, hai la sensazione che valga la pena combattere per mantenere la relazione. Perché non c’è solo bianco o nero: le relazioni sono molto più complesse di così.

Ed è così che per alcuni mesi, rimbalzi da un’intuizione all’altra. Per aiutare a chiarire, lo psicologo Jeffrey Bernstein ha isolato le tre domande che, in base alla sua esperienza come consulente di relazioni, permettono di raggiungere una decisione solida .

1. Posso cambiare qualcosa in merito a questa relazione?

Scoprire se è davvero nelle nostre capacità lavorare sugli aspetti poveri della relazione è fondamentale e richiede un esercizio riflessivo molto profondo. Se affermativo, che è possibile migliorare attraverso una comunicazione sana, l’equilibrio dovrebbe inclinarsi un po’ verso il “tentare”. Tuttavia, come dice Bernstein, il fatto di insistere continuamente a trovare soluzioni su problemi che non ne hanno, non dovrebbe entrare nei nostri piani di vita. Non vale la pena sbattere la testa contro le pareti d’acciaio.

2. Questa relazione mi fa sentire meglio o peggio con me stesso?

Gli ideali romantici e tossici dell’amore ci hanno portato a collegare inconsciamente l’amore al sacrificio, alla tragedia e al dolore. Ma è solo un’assurdità. Se il tuo partner non ti rispetta, non si prende cura di te o non ti stima, non c’è nulla di eroico nel restare lì. Allo stesso modo, se quella relazione guida il tuo lato oscuro, tutto ciò ti fa sentire in colpa o diminuisce la tua autostima, non ha molto senso continuare. Meglio essere soli che lasciare la felicità per amore del romanticismo velenoso.

3. Staresti meglio senza quell’altra persona a lungo andare?

Pensare a breve termine limita molto le nostre decisioni. In questi casi, quando si tenta di decidere se continuare o meno con qualcuno, sentimenti di attaccamento, dipendenza, la paura o il comfort possono interferire in modo incisivo, rendendo impossibile prendere una decisione saggia. Ecco perché, dice Bernstein, la cosa migliore da fare è chiedersi se quella persona sia davvero “la migliore opzione per avere una relazione sana e felice. Se puoi onestamente dire “no”, forse è ora di andare! “Meglio soffrire una stagione che passare anni e anni in una relazione condannata.

I segnali che il tuo uomo non ti ama più

Uomini emotivamente instabili: 5 segnali da non ignorare

Cose che tuo marito desidera ma non ti chiede

Le coppie che si amano sono quelle che litigano

Segnali che non è innamorato

20 scuse che le donne dicono per non fare l'amore

Il segreto per avere una relazione di successo di lungo termine