Un ragazzo magnificamente diverso

Gavin è stato diagnosticato con la sindrome di Asperger e con ADHD quando era molto piccolo. Sua madre, Cortine, dice che la famiglia ha affrontato molte sfide. Gavin ha dovuto lottare duramente per imparare tutte le regole e i codici sociali. “Essere un adolescente con la sindrome di Aspergers è difficile”, scrive la madre su Facebook.

gavin

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

La scorsa settimana è successo qualcosa di terribile a Gavin. Un gruppo di giovani, che Gavin non conosceva, lo hanno attaccato e picchiato. Dopo quello che è successo, sua madre ha scritto su Facebook.
“Giovedi notte alcuni adolescenti si sono messi a parlare di quanto fosse strano che fosse sempre solo, che andasse alle feste da solo e che cercasse sempre di fare amicizia con persone che non conosce.
Il venerdì un altro giovane – che aveva ascoltato la conversazione il giorno prima – decise di comportarsi da giudice. Questo è il risultato di ciò.  Non ha fatto domande, non ha cercato di conoscerlo e non gli ha dato la possibilità di andarsene. Lo chiamarono e lo circondarono. Lo hanno picchiato e lasciato sul marciapiede perché “imparasse una lezione”

gavin3

Ma invece di denunciare chi lo ha attaccato, Gavin vuole sensibilizzare sulla sindrome di Aspergers. Ha chiesto che la punizione dei giovani fosse di fare il servizio civile, che scrivano un tema sulla sindrome di Aspergers e che guardino un film di 20 minuti che racconta come si vive con l’autismo. Il film dovrebbe essere visto con le loro famiglie per capire il danno che hanno causato.

gavin2

Susan Mofatt è la madre del migliore amico di Gavin, Jonathan (qui sotto a destra). Ha pubblicato la storia di Gavin su Facebook.

gavin4

Susan scrive che quello che è successo a Gavin l’ha lasciata devastata. Il suo testo è diventato virale su Facebook ed è stato condiviso fino a 200.000 volte.

“Sono impressionata dalla forza di Gavin e dal modo in cui ha gestito l’orribile cosa che gli è capitata. Si merita un sacco di applausi!”