Vitamina C e brodo di pollo per curare il raffreddore, quanto funzionano davvero?

Il raffreddore è una malattia piuttosto frequente, soprattutto in inverno. Ma i rimedi casalinghi più comuni, come Vitamina C e brodo di pollo, funzionano davvero?

Home > Benessere > Vitamina C e brodo di pollo per curare il raffreddore, quanto funzionano davvero?

Il raffreddore è sicuramente una malattia molto frequente, che colpisce gran parte degli adulti dalle 2 alle 4 volte l’anno. Ad essere maggiormente presi di mira sono i bambini che arrivano a raffreddarsi anche dalle 4 alle 8 volte l’anno. Non sembra che al momento si stata trovata una cura adeguata, ma esistono dei trattamenti che possono in qualche modo alleviare i sintomi. Ma quali sono i principali rimedi casalinghi per poter alleviare i sintomi del raffreddore? Tra quelli più comuni come vitamina C e brodo di pollo, ci sono prove che funzionano davvero? Cerchiamo di fare un pò di chiarezza.

Vitamina C, fa davvero bene?

Da sempre si è detto che la vitamina C risulta importante nel trattamento, ma soprattutto la prevenzione del raffreddore. Questo concetto è stato diffuso dal Premio Nobel Linus Pauling, ma nei giorni nostri sembra che qualcosa sia stato messo in dubbio. Recenti studi hanno messo in evidenza come, nella stragrande maggioranza dei casi, le persone che ricevevano 1 grammo di vitamina C al giorno, non riscontrava una riduzione in termini di numero di raffreddori, quanto una diminuzione della durata.

Succo d’arancia, da solo non è sufficiente

Ad oggi, sembra non ci siano prove certe che possano accertare che il succo d’arancia possa prevenire i raffreddori, ne tanto meno alleviare i sintomi o ridurre in qualche modo la durata. Il motivo è uno solo, ovvero che non contiene al proprio interno delle dosi di vitamina C sufficienti per poter avere lo stesso effetto degli integratori.

Zinco non per prevenire, ma accelerare la guarigione

Da tempo si parla dell’efficacia dello zinco per la cura del raffreddore. Esattamente è stato nel 1984 che si è dimostrato come gli integratori allo zinco, non facciano ammalare. Tuttavia nel corso degli anni si sono succeduti vari studi, tutti discordanti. Alcuni dimostrano come effettivamente le pastiglie di zinco possano accelerare la guarigione dal raffreddore. Altri studi, invece, non sembra abbiano rivelato particolari benefici.

Spray nasali salini

Per poter in qualche modo alleviare la congestione nasale, in caso di raffreddore, possono venire in aiuto sicuramente le gocce e spray nasali a a base di soluzione salina, soprattutto per i bambini. L’efficacia di questi prodotti è stata confermata negli anni.

Echinacea, davvero accorcia il raffreddore?

I risultati effettuati sull’echinacea, ovvero il rimedio a base di erbe, sembra possa prevenire o accorciare i raffreddori. Su ciò, sembrano essere pareri discordanti. Recenti studi, sembra abbiano confermato come effettivamente non sia stata rilevata alcuna efficacia terapeutica nell’echinacea nel trattare il raffreddore. Alcuni studi non sembra abbiano mostrato alcun beneficio, altri ne anno dimostrato la riduzione della durata dei sintomi del raffreddore e della gravità.