1 maggio 2016: gli eventi più interessanti in giro per l’Italia

 

Il 1° maggio, la giornata mondiale dei lavoratori, è sempre motivo di svago, un’occasione per concedersi piccole vacanze o scendere in piazza per far valere i propri diritti.
In giro per l’Italia ci saranno molte iniziative interessanti che vi permetteranno di trascorrere una giornata diversa e, in alcuni casi, indimenticabile.
Ecco quelli scelti da noi: 

Concerto del Primo Maggio – Roma

Skunk Anansie
Skunk Anansie

Cominciamo con l’appuntamento musicale più importante e tra i più sentiti d’Italia. Sarà Luca Barbarossa il conduttore dell’edizione 2016 del Concerto del Primo Maggio, che dal 1990 raduna nel giorno della Festa dei Lavoratori migliaia di spettatori in una delle piazze più importanti di Roma, Piazza San Giovanni in Laterano, per 8 ore di musica.

La conduzione di Luca Barbarossa va ad arricchire un cast composto anche quest’anno da nomi di grande prestigio, anche internazionale quali Skunk Anansie, Vinicio Capossela, Asian Dub Foundation, Dubioza Kolektiv, Modena City Ramblers, TheGiornalisti e la canzone d’autore e rap di Coez. Ai nomi più famosi si aggiungeranno realtà musicali emergenti che sono state selezionate con il contest I’M NEXT.

Fritto Misto – Ascoli Piceno

Fritto Misto
Fritto Misto

Dal 22 aprile al 1 maggio si terrà la famosa manifestazione ascolana dedicata al fritto di qualità. Di fatto Fritto Misto si propone come obiettivo di valorizzare la frittura come forma di cottura e sfatare tutti quei pregiudizi che ne sconsigliano l’utilizzo.

Come ogni anno, all’interno del Palafritto sarà possibile degustare piatti tradizionali delle diverse regioni italiane come le olive all’ascolana, ma anche altre specialità marchigiane, gnocco fritto emiliano, i carciofi fritti alla Giuda della tradizione giudaico-romana, i Krapfen dell’Alto Adige, i Friscieu, gustosissime frittelle di erbe liguri, i panzerotti pugliesi fino ai golosi cannoli siciliani o dei differenti paesi esteri presenti, cucinati con criteri e materie prime di qualità da uno staff di cuochi di primo livello.

Festa degli Spaventapasseri – Castellar (Cuneo)

Festa degli spaventapasseri
Festa degli spaventapasseri

Anche questa è una festa tradizionale che vale la pena vedere. Se il primo maggio vi trovate dalle parti di Cuneo, non perdete l’appuntamento a Castellar con la Festa degli Spaventapasseri, un grande museo a cielo aperto dedicato a questi simpatici pupazzi dei campi.

L’iniziativa coinvolge tutto il comune di Castellar, non c’è casa, fienile, orto, prato o cortile che non ospiti uno spaventapasseri, che vengono realizzati con tutti i materiali possibile e spesso ispirati anche a personaggi dell’attualità.

San’Efisio – Cagliari

San'Efisio
San’Efisio

Da Cuneo ci spostiamo in Sardegna, precisamente a Cagliari che dal 30 aprile si anima per i festeggiamenti di Sant’Efisio, uno degli eventi religiosi e folkloristici più famosi di tutta la Sardegna, quest’anno alla sua 355esima edizione.

I preparativi iniziano il 30 aprile con la vestizione del Santo e l’aggiunta di gioiellini in oro, mentre il primo Maggio si tiene la tradizionale processione guidata dalle traccas, carri addobbati a festa trainati da buoi, seguiti dai gruppi folkloristici, circa 5500 persone con il costume tradizionale sardo, i cavalieri del campidano, i membri della Guardianìa, l’Alter Nos, che rappresenta il Sindaco e, infine, i membri dell’Arciconfraternita preceduti da un confratello che regge un crocifisso del 1700.

Apertura straordinaria musei statali

Il 1 maggio molti musei appartenenti al circuito statale prevedono un’apertura straordinaria dalle 11.00 alle 17.00 con prezzi molto democratici che in alcuni casi varranno addirittura 1 euro.

Festival dell’Aquilone – Pinarella (Cervia)

festival
Festival dell’aquilone

Una delle manifestazioni più interessanti e magiche a cui assistere il primo maggio è il Festival dell’aquilone, l’appuntamento che dal 1981 anima la località di Pinarella di Cervia. L’evento che si terrà dal 22 aprile al 1 maggio è uno dei raduni più famosi al mondi di genere. Lo spettacolo che regala il vento in questi 10 giorni è davvero spettacolare e le strutture che volteggiano nell’aria sono le più varie e fantasiose che esistano, un vero piacere per gli occhi.

di Carlotta Di Falco