Alessandro Borghese

Alessandro Borghese e il figlio mai conosciuto: “Mi piacerebbe incontrarlo”

Lo chef ha svelato di occuparsi del giovane solamente dal punto di vista legale: ecco le sue parole

Nelle scorse ore il nome di Alessandro Borghese è tornato ad occupare le principali pagine di cronaca rosa. Nonostante lo chef viva il suo privato nel massimo della riservatezza e lontano da quella luce dei riflettori a cui è esposto costantemente, di recente il gossip si sta occupando molto di lui. Scopriamo insieme il motivo.

Alessandro Borghese

Qualche anno fa Alessandro Borghese aveva svelato l’esistenza di un figlio, avuto prima dell’arrivo dell’attuale moglie Wilma Oliverio. Di recente lo chef ha svelato che oggi il ragazzo ha 16 anni e di occuparsi di lui solamente dal punto di vista legale. Nonostante ciò, grande è il desiderio di incontrare, un giorno, il ragazzo.

A riguardo, sono state queste le parole di Alessandro Borghese in un’intervista rilasciata al giornale ‘Il Messaggero’:

Non l’ho mai visto, non ho una sua foto. Mi piacerebbe incontrarlo prima o poi, se me lo permetteranno […] Da giovane non mi fidanzavo mai, però ero molto sportivo. Ho saputo di questo figlio solo molto tempo dopo la sua nascita. E purtroppo non ho mai avuto l’opportunità di vederlo. In futuro, chi lo sa? Lui ora vive all’estero.

Alessandro Borghese

Alessandro Borghese e l’amore con Wilma Oliverio

Tutti sanno che oggi Alessandro Borghese vive la sua vita al fianco di Wilma Oliverio, sposata nel 2009. Questo è quanto dichiarato dallo chef sul suo amore più grande della sua vita:

chef famoso

Lei lavorava in un’azienda che cercava un giovane chef per lanciare un videogioco sulla cucina. Mi chiamò questa signorina Wilma. Dopo sei mesi ci siamo sposati. Fu colpo di fulmine. Lei era già fidanzata, si doveva sposare. Ho fatto un furto.

moglie dello chef

Il grande amore tra i due è stato coronato dalla nascita di due figlie: Alexandra e Arizona. La famiglia di Alessandro Borghese è molto riservata e cerca sempre di vivere il privato nel massimo della riservatezza.