Ambra Angiolini si racconta a Verissimo

Ambra Angiolini parla per la prima volta della sua separazione con Francesco Renga

Home > Spettacolo > Ambra Angiolini si racconta a Verissimo

Amba Angiolini torna in TV e stavolta lo fa parlando di sé. Ospite del programma di Silvia Toffanin, Verissimo, Ambra ha deciso di raccontare una nuova sé partendo dalla dolorosa separazione con Francesco Renga, al doloro periodo in cui ha dovuto convivere con una brutta malattia.

L’ex conduttrice di non è la Rai racconta di come il suo rapporto con Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, sia felice e spensierato. Oggi grazie al suo fidanzato Ambra ha ritrovato l’amore e sostiene che ora la sua vita è cambiata in meglio. Negli ultimi mesi si era parlato anche di un possibile matrimonio tra i due, ma non sembra essere confermata la notizia.

ambra-silvia

Per quanto riguarda il suo ex marito, Francesco Renga, Ambra ne ha parlato ma non con poco dolore. Ha svelato di essere in buoni rapporti e di trascorrere ancora del tempo insieme a Francesco e al suo buon umore, ma nel raccontarlo fa un breve excursus su quello che accadeva a suo figlio nel periodo della separazione.

silvia-anna

“Penso che la lezione più grande ce l’abbia dato nostro figlio: ci disse “non dovete obbligarmi ad essere felice. Posso capire la situazione, ma la felicità è un’altra cosa” e aveva ragione, racconta con gli occhi lucidi a Verissimo.

Il distacco con Renga è avvenuto sotto i riflettori, per via della loro fama. “A volte è meglio parlare in pubblico per evitare che escano cose sui giornali che ‘sporcano’ una cosa che sporca non è. Però poi basta. Gli voglio bene, vivo ancora a Brescia. Mi ha messa nelle peggiori condizioni, frequentare gli stessi posti, ma lo rifarei.” continua la l’attrice.

ambra-angiolini

Inoltre Ambra parla del suo doloroso rapporto con una brutta malattia: la bulimia. “Non è affatto una malattia semplice e bisogna aiutare soprattutto gli adolescenti e le persone più fragili, bisogna cercare il proprio cibo, ce non è quello reale ma un cibo diverso.”