Amici 19, polemica per le sarte che lavorano troppo vicine, la direzione: “bastano le mascherine”

Polemica in casa Amici 19 per le sarte della trasmissione che lavorano decisamente troppo vicine, la produzione risponde: "bastano le mascherine"

Home > Spettacolo > Amici 19, polemica per le sarte che lavorano troppo vicine, la direzione: “bastano le mascherine”

Nasce una nuova polemica in casa Amici 19, uno dei pochi programmi ad essere ancora registrato e trasmesso su Canale 5. Il tutto è nato da una foto delle sarte della trasmissione che lavorano troppo vicine. A rispondere è la produzione della trasmissione, che dice che sono rispettate tutte le norme anti-contagio e così risponde: “nell’impossibilità di tenere il metro di distanza, bastano le mascherine”.

Le polemiche sul web sono state alzate da una foto messa in circolo su come lavorano le sarte della trasmissione Amici, gestita e presentata da Maria De Filippi. Infatti, le donne lavorano decisamente troppo vicine, non rispettando, apparentemente, le distanze di sicurezza imposte dallo stato. In realtà, però, pare che le regole siano perfettamente rispettate dalla produzione, che lo conferma in un comunicato su Dagospia.

amici-19-sarte

È Claudia Ciaramella, produttore esecutivo del talent show, a chiarire la situazione, dicendo che i dispositivi utilizzati sono sufficienti per rispettare le regole:

“In risposta alla polemica sorta a seguito della pubblicazione di una foto scattata nella sartoria del programma Amici, nella quale si ritraggono alcune persone intente a lavorare in gruppo sulla realizzazione di alcuni capi necessari per la puntata imminente, ci teniamo a specificare che quanto ritratto è perfettamente aderente alle regole disposte dal Decreto Legge 17 Marzo 2020 – n°18 che recita: “…per i lavoratori che nello svolgimento della loro attività sono impossibilitati a mantenere la distanza interpersonale di un metro, sono considerati dispositivi di protezione individuale, di cui all’art. 74, comma 1, le mascherine chirurgiche…”. Col che è dimostrato che così come in tutti gli altri ambiti lavorativi della produzione, sono adottate tutte le norme necessarie a proteggersi e a proteggere le persone coinvolte lavorativamente alla produzione del programma. Grazie dell’attenzione”.

Dopo questa piccola polemica che la produzione ha messo immediatamente a tacere, vedremo i bellissimi vestiti creati dalle mani delle sarte della trasmissione su Canale 5 prima il 27 marzo con la semifinale del programma, poi ancora il 3 aprile, data in cui è prevista la finale.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI