Ballerini con sindrome di Down lasciano il pubblico senza parole

Una compagnia di ballo formata da ballerini con sindrome di Down hanno lasciato il pubblico senza parole grazie alle loro prestazioni

Home > Spettacolo > Ballerini con sindrome di Down lasciano il pubblico senza parole

Si chiama Flick Flock Danza ed è una compagnia di danza unica e speciale, che ha lasciato senza parole giudici e pubblico in occasione di una puntata di Spain’s Got Talent, la versione spagnola della serie internazionale presente anche nel nostro paese. I ballerini, alcuni con sindrome di Down compiono gesti atletici incredibili.

La compagnia di ballo Flick Flock Danza è inclusiva, perché coinvolge bambini e adulti con disabilità fisiche e mentali, con differenze cromosomiche o altre particolarità. Il gruppo fa parte di una scuola di danza che dà lezioni di danza classica, danza jazz, ma anche hip hop e ginnastica. Diretta da Susana Alcon è un bell’esempio di inclusione.

“Amano la danza, è la loro vita, ne hanno bisogno ed è per questo che ci stanno regalando grandi emozioni”, ha raccontato la responsabile della scuola di danza orgogliosa mentre il suo gruppo si esibiva sul palco.

Il gruppo sembrava particolarmente nervoso prima dello spettacolo. Ma una volta iniziata la musica, hanno dimenticato tutto il resto e semplicemente hanno fatto quello che sanno fare meglio: ballare. La forza dei ballerini maschi e la flessibilità delle ballerine femmine si sono mescolate alla perfezione per creare un’esibizione incredibile e memorabile.

Il giudice e comico Paz Padilla era letteralmente entusiasta di apprendere che la compagnia di ballo proveniva da Cadice, la sua città natale: “Quanto sono stato fortunato il giorno in cui sono nato a Cadice, ogni giorno ne sono sempre più orgoglioso”.

Anche gli altri giudici hanno amato particolarmente lo spettacolo. Il cantante Edurn sentiva che la chimica tra i membri del gruppo era molto forte, perché sembravano una famiglia. Risto Mejide era molto colpito: “Credo nell’inclusione, l’arte deve essere inclusiva o non è arte, il talento deve essere inclusivo. Il giorno in cui un attore con sindrome di Down smetterà di essere una novità per la recitazione in un film, quel giorno avremo raggiunto l’inclusione”.