Caterina Balivo: “dopo Miss Italia sono andata in analisi”

La bellissima conduttrice confessa che perdere Miss Italia è stato un colpo difficile da superare

Home > Spettacolo > Caterina Balivo: “dopo Miss Italia sono andata in analisi”

Caterina Balivo, amatissima conduttrice tv, si racconta al Corriere della Sera. Un’intervista davvero senza filtri che tocca punti delicati della sua vita privata. Dalla delusione pre la sconfitta a Miss Italia e i successivi anni in analisi fino alla sua relazione con Guido Mario Brera. Ecco cosa ha detto:

Caterina Balivo ha partecipato a Miss Italia nel 1999, l’edizione al tempo era condotta dal meraviglioso Fabrizio Frizzi. Bellissima, dal carattere fumantino e vivace si fece notare tra migliaia di ragazze. La balivo però pensando a quel periodo ha dei ricordi tristi, l’amarezza di non aver vinto l’ha perseguitata per anni

balivo-c

“Ho pianto per anni perché volevo vincere, ma la fascia andò a Manila Nazzaro che aveva i numeri per arrivare prima: alta un metro e 80, con degli occhi azzurri pazzeschi. Ma purtroppo ho un grande pregio, che poi è anche il mio peggior difetto: sono molto competitiva e questo significa che non ti godi nulla.”

balivo

“Sono stata tre anni in analisi, dal 2007 al 2010, ma su di me non ha avuto grandi risultati. Mi rendeva ancora più intransigente. Poi ho incontrato mio marito, ed è diventato lui la mia analisi: è molto pungente e visionario. Non si ferma all’oggi. Ma lo fa con amore”.

balivo-miss-italia

Caterina parla proprio di Guido Maria Brera. Il loro fu un matrimonio celebrato in segreto nel 2014 e dal quale la donna ha avuto il piccolo Guido Alberto. La conduttrice poi ricorda di quando al liceo veniva presa in giro perché considerata brutta: “Al liceo quando mi sono tagliata i capelli come Brenda della serie Beverly Hills 90210 e mi sono messa con il più bello della scuola, ho scoperto che non ero brutta come mi disegnavano. C’era un gruppo di ragazzine che ogni mattina disegnava la mia caricatura alla lavagna: ero alta come ora, ma più magra, e indossavo un paio di Nike numero 43”