Che-fine-ha-fatto-Steve-Urkel

Che fine ha fatto Steve Urkel di Otto sotto un tetto?

Ve lo ricordate il divertentissimo Steve Urkel di Otto sotto un tetto? Che fine ha fatto l’attore che lo interpretava? Ecco cosa fa e com’è Jaleel White oggi

Che fine ha fatto Steve Urkel di Otto sotto un tetto? Il suo “Sono stato io a fare questo?!”  è uno dei più divertenti tormentoni di sempre. Ma dietro a quell’aspetto buffo si nasconde un attore di grande talento e dal nome che pochi ricordano: Jaleel White.

Jaleel White / Steve Q. Urkel

Nato in California il 27 novembre del 1976, Jaleel Ahmad White ha cominciato ben presto a stare davanti a una telecamera. Già all’età di 3 anni appare in vari spot pubblicitari e nell’84 recita in un episodio dei Jefferson.

Nello stesso anno partecipa al provino per Ruby Robinson (che all’inizio doveva essere un maschio), ma poi la produzione decide di lasciare solo Theo come unico ometto dei Robinson e la parte viene data alla simpaticissima Keshia Knight Pulliam.
Ma come tutti sappiamo, il successo mondiale arriva nel 1989 quando, appena 12enne, varca la porta di Otto sotto un tetto col suo Steve Q. Urkel

Che-fine-ha-fatto-Steve-Urkel-Otto-sotto-un-tetto

Personaggio nato per apparire una volta (o poche più), riscuote talmente tanto successo che diventa non solo uno dei personaggi principale (se non il principale), ma anche il salvatore della serie stessa, portandola dalla probabile cancellazione a diventare una delle sitcom più viste d’America.

Non solo Steve

Col suo incredibile talento per le caratterizzazioni, si diverte a portare altri personaggi nella serie (come l’affascinante alterego Stefan o la cuginetta Myrtle) e a scrivere, seppur giovanissimo, anche episodi della sitcom stessa.
Inoltre da la voce alle serie animate di Sonic negli USA e a molti altri personaggi dell’animazione statunitense, diventando un doppiatore decisamente apprezzato.

Finita l’esperienza Otto sotto un tetto nel 1998 il giovane attore (21enne) fa molta fatica a staccarsi di dosso il ruolo per cui è diventato ultra-famoso e per lungo tempo nessuno gli offre ruoli importanti, così ritorna a studiare e si laurea all’Università della California in Cinema e TV.

Jaleel, figlia e vita oggi

Oggi Jaleel White è molto diverso dal goffo Steve Urkel, oltre a essere 40enne e ad aver messo su qualche muscolo, è anche papà della bellissima Samaya, avuta nel 2009 dalla relazione con la sua ex Bridget Hardy.

Che-fine-ha-fatto-Steve-Urkel-Famiglia

Diventato sceneggiatore, produttore e conduttore televisivo, Jaleel appare in innumerevoli serie TV (CSI, Dr. House, Psych, Bones, etc.) ma solo come guest di un episodio, e pur avendo anche ruoli importanti al cinema, come Ore 15:17 – Attacco al treno di Clint Eastwood, in TV non riesce a trovare un ruolo duraturo (dopo varie cancellazioni di show che lo vedevano protagonista) e al momento attuale è nel cast di The Big Show Show.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Carolina Marconi spiega, nel salotto di Verissimo, come ha scoperto di avere il tumore al seno

Carolina Marconi spiega, nel salotto di Verissimo, come ha scoperto di avere il tumore al seno

Luca Laurenti: malattia, figli e vita privata del partner storico di Paolo Bonolis

Luca Laurenti: malattia, figli e vita privata del partner storico di Paolo Bonolis

GF Vip: perché Lulù ha un cerotto sul braccio? La curiosità dei fan

GF Vip: perché Lulù ha un cerotto sul braccio? La curiosità dei fan

UeD: Maria De Filippi non si trattiene. La conduttrice si accascia sulle scale

UeD: Maria De Filippi non si trattiene. La conduttrice si accascia sulle scale

UeD: la famiglia si allarga in casa di Valentina Autiero. La dama da il lieto annuncio

UeD: la famiglia si allarga in casa di Valentina Autiero. La dama da il lieto annuncio

Fabrizio Corona commenta il flop di Star in the Star e Ilary Blasi

Fabrizio Corona commenta il flop di Star in the Star e Ilary Blasi

Al Bano jr si racconta a Verissimo: l'incredibile somiglianza con il padre

Al Bano jr si racconta a Verissimo: l'incredibile somiglianza con il padre