Ciao Darwin: i rulli del Genodrome sotto sequestro

Dopo i gravi incidenti della settimana scorsa i rulli "incriminati" sono stati messi sotto sequestro

Home > Spettacolo > Ciao Darwin: i rulli del Genodrome sotto sequestro

Il percorso del Genodrome, presente nel programma Ciao Darwin, dopo i gravi infortuni della settimana scorsa è finito nei fascicoli della Procura di Roma. Sotto sequestro quindi i rulli del Genodrome. l procuratore aggiunto, Nunzia D’Elia, ha aperto un fascicolo per lesioni colpose dopo l’incidente che ha causato una paralisi ad un 54 enne romano.

Gabriele Marchetti si trova ancora in ospedale e rischia di rimanere paralizzato. Gabriele non è stato l’unico a farsi male, con lui anche Deborah, personal trainer che ha riportato una frattura scomposta del piede che la vede costretta alla sedie a rotelle.

Ciao-Darwin-8-Genodrome

Gabriele, il più grave dei due, si trova al reparto di terapia intensiva del policlinico Umberto I, il cugino sostiene che rischia di non rialzarsi più e che i familiari hanno presentato un esposto alla procura.

genodrome-rulli-darwin

Anche Deborah Bianchi ha voluto raccontare la sua storia, lei è caduta dallo scivolo del Genodrome e non dai rulli, lì ha sentito il piede e la caviglia girarsi e il rumore dell’osso rotto. Anche Deborah ha subito un’operazione chirurgica:

“Sono stata operata, mi hanno messo una placca e sei chiodi all’interno del piede che andranno rimosse tra sei messi, un anno. Dovrò subire un altro intervento. Le conseguenze? Ancora non cammino. Devo deambulare su una sedia a rotelle.”

Bonolis-paolo

“È pericoloso, certo. Magari uno lo fa non con coscienza, perché sei lì a giocare e a divertirsi. Sei spensierato e rilassato, poi succede proprio in quel momento quello che è successo. C’è un alto rischio di farsi male, quindi non so se ne vale la pena, per far ridere, far succedere tutto questo” aggiunge la ragazza

Voi avreste mai partecipato a quel percorso? Per quanto sia divertente vediamo spesso brutte cadute e sembra che ci voglia anche una buona prestazione fisica. Ve la sareste sentita?